Titolo II - Capo 3 - FAQ

 

Dal riquadro Documenti FAQ è possibile scaricare le FAQ in formato pdf ed excel.

Nel caso del documento pdf, se il numero di FAQ presenti in elenco è superiore al numero di FAQ contenute nel documento pdf, è possibile generare una versione aggiornata del documento.

Se il numero di FAQ è elevato la procedura di generazione del documento potrebbe durare qualche minuto.

Imposta campi per la ricerca
Documenti FAQDocumento in formato pdf (contiene 126 FAQ) - [Scarica  .pdf  - 104 Kb]
Documento in formato excel - [Scarica file.xls]

..: Sono presenti 124 FAQ :..


111 - (D) Buongiorno,
una ditta installatrice di impianti elettrici, vorrebbe effettuare degli investimenti per l'ampliamento della propria attività, tra cui un autoevettura immatricolata autocarro, quest'ultimo bene è finanziato?
cordiali saluti

(R)
Ai sensi dell’Art. 2, comma 1 dell’Avviso Pubblico: “Le domande di agevolazione possono essere presentate da microimprese, da imprese di piccola dimensione e da medie imprese (…) che intendono realizzare una iniziativa nell’ambito di uno dei codici Ateco ammissibili elencati nell’allegato 1 (…)”. Ciò premesso, si ricorda che ai sensi dell’Art. 4, comma 1 i mezzi mobili sono ammissibili solo se “strettamente necessari al ciclo di produzione o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti, purché dimensionati all’effettiva produzione, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni. Per il settore dei trasporti sono escluse le spese relative all’acquisto di materiale di trasporto e l’acquisto di automezzi è ammissibile esclusivamente nel caso di imprese di trasporto persone”. Inoltre, ai sensi del comma 3 del sopracitato Articolo: “i mezzi mobili targati, sono ammissibili solo se strettamente funzionali e pertinenti rispetto all’attività ammissibile svolta dall’impresa, devono essere immatricolati autocarro e nel caso di autovetture devono essere furgonate (prive di sedili posteriori), oltre che immatricolate autocarro”.
110 - (D) è possibile sapere a quanto ammontavano i fondi iniziali stanziati e quanti ne residuano ad oggi?


(R)
Sono ancora disponibili fondi a valere sul bando Titolo II Capo III, ed è possibile presentare istanza.
109 - (D) Buongiorno,
all'interno della Circolare nr. 12/E del 13.04.17 dell'Agenzia delle Entrate, punto 4. viene specificata la cumulabilità del Credito d'imposta con altri aiuti di Stato - come il Titolo II Capo III - a condizione che il cumulo non porti al superamento dell'intensità o dell'importo di aiuti più elevati consentiti dalle pertinenti discipline di riferimento (De Minimis).
Si deduce quindi la cumulabilità e si richiedono informazioni sulla DSAN attualmente in vigore in cui il soggetto proponente deve dichiarare di non aver ottenuto altri aiuti di stato per il medesimo investimento - DSAN Rinuncia altre agevolazioni -.
Resto in attesa di cortese determinazione in merito.
Cordiali saluti.

(R)
Come previsto dal comma 3 dell’Art. 5 dell’Avviso, “gli aiuti di cui al presente Avviso sono cumulabili sia con gli aiuti al finanziamento del rischio di cui al Titolo III del Regolamento e sia con gli aiuti de minimis di cui al Regolamento Regionale n. 15 del 01/08/2014, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 105 del 04/08/2014”. Ai sensi del Titolo II non è possibile il cumulo con gli altri “aiuti di Stato”.
108 - (D) Qual è la documentazione da presentare per l'attestazione della destinazione d'uso?

Questa documentazione è necessaria anche in caso di acquisto di un carrello elevatore ?

(R)
Per la destinazione d’uso si può presentare documentazione quale visura catastale e certificato di agibilità o di destinazione d’uso, la stessa destinazione deve essere conforme al tipo di attività esercitata ed in caso di mezzi mobili deve essere idonea al ricovero degli stessi.
107 - (D) CON RIFERIMENTO ALL'ACQUISTO DA TERZI DI UN FABBRICATO COMMERCIALE INSERITO IN UN CONDOMINIO, E QUINDI NON SUSSISTENDO UN VALORE DELL'AREA VERO E PROPRIO IN QUANTO DI PROPRIETA' CONDOMINIALE, SI CHIEDE SE E' OBBLIGATORIO PROCEDERE UGUALMENTE ALLO SCORPORO DEL VALORE DEL TERRENO.

QUALORA LA RISPOSTA DOVESSE CONVERGERE A FAVORE DELLA POSITIVITA' DELLO SCORPORO SI CHIEDE DI CONOSCERE CON QUALE CRITERIO SI DOVRA' ATTRIBUIRE UN VALORE AL SUDDETTO TERRENO.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE

(R)
I criteri di valutazione del valore del suolo attengono esclusivamente alla professionalità del tecnico; le uniche indicazioni richieste dall’Avviso riguardano la necessità che il valore del suolo su cui insiste la porzione di fabbricato oggetto di investimento debba essere scorporato dal valore delle stesse mura per le quali si richiede agevolazione.
Pag. 4 di 25 : Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. [10 Succ.]