Titolo II - Capo 3 - FAQ

 

Dal riquadro Documenti FAQ è possibile scaricare le FAQ in formato pdf ed excel.

Nel caso del documento pdf, se il numero di FAQ presenti in elenco è superiore al numero di FAQ contenute nel documento pdf, è possibile generare una versione aggiornata del documento.

Se il numero di FAQ è elevato la procedura di generazione del documento potrebbe durare qualche minuto.

Imposta campi per la ricerca
Documenti FAQDocumento in formato pdf (contiene 125 FAQ) - [Scarica  .pdf  - 76 Kb]
Documento in formato excel - [Scarica file.xls]

..: Sono presenti 124 FAQ :..


75 - (D) Salve,
Cosa vuol dire l'art. 13 comma 3 "Al fine contribuire alla massima informazione, l'impresa dovrà far realizzare targhe in materiale metallico leggero o plastica, di dimensioni adeguate, da collocare ove possibile sui beni oggetto di investimento" ?
Sulle fatture relativi agli investimenti oggetto di agevolazione, deve essere riportata una dicitura particolare per far riconoscere che quei beni sono oggetto di una agevolazione?
Vi ringrazio dell'informazione.

(R)
L’impresa, al fine di contribuire alla massima informazione circa l’attuazione del P.O. FESR, dovrà realizzare targhe, in materiale metallico leggero o plastica (pertanto durature), di dimensioni adeguate, da collocare sui beni oggetto di investimento, contenenti il “Logo dell’Unione Europea” e della “Regione Puglia” - e la dicitura: “Operazione cofinanziata dall’Unione europea – P.O.R. Puglia 2014-2020 – Fondo FESR – Asse prioritario III – obiettivo specifico 3e Azione 3.6”. Deve essere obbligatoriamente predisposta l’etichettatura dei macchinari, delle attrezzature e delle forniture (anche per le spese in opere murarie e per l’acquisto di immobili); Per l’acquisto dell’immobile, deve essere apposta una targa di dimensioni almeno formato A4 sia all’interno che all’esterno del locale;
I titoli di spesa devono essere annullati, sugli originali, con la seguente dicitura: “Operazione cofinanziata dall’Unione europea – P.O.R. Puglia 2014-2020 – Fondo FESR – Asse prioritario III – obiettivo specifico 3e Azione 3.6”.
74 - (D) scusate se l'acquisto di un gazebo e' considerata opera muraria o bene strumentale?

(R)
L’art. 4 dell’Avviso riporta le tipologie di spese ammissibili; in particolare al comma 2 vengono riportate quali spese sono riferite alle opere murarie. Il gazebo, in linea con quanto previsto dall’Avviso, è considerato opera muraria.
73 - (D) Buonasera, un cliente vorrebbe acquistare un immobile al fine di ampliare la propria attività commerciale. Nel corso degli anni del finanziamento, qualora la propria attività commerciale non sia redditizia, potrebbe affittare tale immobile ad un terzo per l'esercizio di un altra attività?

(R)
Ai sensi dell’art. 16 dell’Avviso gli attivi materiali o immateriali oggetto di agevolazione devono essere mantenuti in attività in testa al soggetto proponente per un periodo di cinque anni dalla data di completamento dell’investimento pena la revoca delle agevolazioni. Pertanto, la risposta è negativa.
72 - (D) salve,
in merito ad un'eventuale richiesta di finanziamento per un sistema di raccolta delle acque di prima pioggia in favore del recupero delle stesse in un processo produttivo, relativo all'azienda che rappresento, sarebbe possibile effettuare da soli i lavori o solo in parte, senza l'affidamento ad altra ditta (considerato il fatto che la stessa azienda che rappresento ha codici ateco dell'attività in questione).

(R)
Come previsto alla lettera L) comma 4) dell’Art. 4 dell’Avviso, non sono comunque ammissibili le spese sostenute con commesse interne di lavorazione, anche se capitalizzate ed indipendentemente dal settore in cui opera l’impresa. Pertanto la risposta al Suo quesito è negativa.
71 - (D) Buonasera, una ditta individuale che svolge attività di bar può attivare un secondo codice ateco ( lavanderia), e fare richiesta di finanziamento per il secondo codice ateco richiamando il punto c dell'art. 3 del regolamento.
Grazie

(R)
L’ipotesi da Lei prospettata non evidenzia criticità. I settori di intervento ammissibili sono quelli previsti nell’art. 2, comma 1 lettera b) dell’Avviso pubblico. Nell’apposita sezione dedicata sul sito internet www.sistema.puglia.it, è possibile inserire i codici Ateco a sei cifre al fine di verificarne l’ammissibilità o meno. Durante l’espletamento della fase istruttoria, sarà valutato se l’iniziativa rispetta le prescrizioni dell’Avviso.
Pag. 11 di 25 : [10 Prec.] 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Succ. [10 Succ.]