Titolo II - Capo 3 - FAQ

 

Dal riquadro Documenti FAQ è possibile scaricare le FAQ in formato pdf ed excel.

Nel caso del documento pdf, se il numero di FAQ presenti in elenco è superiore al numero di FAQ contenute nel documento pdf, è possibile generare una versione aggiornata del documento.

Se il numero di FAQ è elevato la procedura di generazione del documento potrebbe durare qualche minuto.

Imposta campi per la ricerca
Documenti FAQDocumento in formato pdf (contiene 125 FAQ) - [Scarica  .pdf  - 76 Kb]
Documento in formato excel - [Scarica file.xls]

..: Sono presenti 124 FAQ :..


100 - (D) Una società operante nel settore della commercializzazione di prodotti ortofrutticoli chiede se le spese per la realizzazione di una piattaforma logistica consistenti nella realizzazione delle celle frigorifere (parte opere murarie e parte impianti di refrigerazione) godono del contributo aggiuntivo del 20% o se invece si considerano opere murarie e pertanto escluse da tale contributo.

(R)
Con riferimento alla realizzazione della cella frigo la spesa potrebbe essere classificata in parte in opere murarie (es. spese per basamento, pavimentazione, muratura, pannelli di separazione, ecc.) e la restante parte della fornitura classificata in macchinari.
Tuttavia l’esatta classificazione dipenderà dalla fornitura e dalla caratteristiche della cella frigo.
99 - (D) Con riferimento alla DSAN di impegno a non delocalizzare richiesta nella modulistica di cui al capo 3 potete chiarire cosa si intende per delocalizzazione?

(R)
Ai sensi del Regolamento della Commissione Europea n. 1084/2017 che ha modificato il Regolamento n. 651/2014 per delocalizzazione si intende: "il trasferimento della stessa attività o attività analoga o di una loro parte da uno
stabilimento .. verso lo stabilimento ... in cui viene effettuato l'investimento
sovvenzionato. Vi è trasferimento se il prodotto o servizio nello
stabilimento iniziale e in quello sovvenzionato serve almeno parzialmente per le stesse finalità e soddisfa le richieste o le esigenze dello stesso tipo di clienti e vi è una perdita di posti di lavoro nella stessa attività o attività analoga in uno degli stabilimenti iniziali del beneficiario".
98 - (D) L'aggiunta nella società di un codice ateco ammissibile al bando, e quindi la relativa comunicazione al registro imprese ed agenzia entrate, dev'essere fatta preliminarmente alla presentazione della domanda? Grazie.

(R)
La Visura camerale aggiornata con indicazione della sede oggetto di investimento e del relativo codice Ateco ammissibile dovrà essere prodotta entro la fase di richiesta erogazione, dunque a conclusione dell’investimento. Di conseguenza la domanda delle agevolazioni ai sensi del Titolo II Capo III può essere presentata anche se ancora non si possiede il suddetto codice ATECO ammissibile. Si evidenzia che, se dalla Visura Camerale risulteranno attivi, nella sede oggetto di agevolazioni, anche codici Ateco non ammissibili e i beni richiesti ad agevolazione potrebbero avere un uso promiscuo, già in sede di verifica istruttoria sarà necessario che l’impresa fornisca perizia giurata di un tecnico abilitato in cui vengano riportate analiticamente e proporzionalmente tutte le spese previste nel piano degli investimenti, suddividendole esattamente per ciascuna attività che l’impresa svolge presso la sede oggetto di richiesta di agevolazioni.
97 - (D) Buongiorno,
vorrei sapere se l'agevolazione prevista dal Titolo II, capo III, è cumulabile con l'agevolazione prevista dal credito d’imposta per gli investimenti nel mezzogiorno, istituito dall’articolo 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208.
Grazie

(R)
Come previsto dal comma 3 dell’Art. 5 dell’Avviso, “gli aiuti di cui al presente Avviso sono cumulabili sia con gli aiuti al finanziamento del rischio di cui al Titolo III del Regolamento e sia con gli aiuti de minimis di cui al Regolamento Regionale n. 15 del 01/08/2014, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 105 del 04/08/2014”. Non è possibile il cumulo con gli altri “aiuti di Stato”.

La norma del CREDITO D’IMPOSTA PER GLI INVESTIMENTI NEL MEZZOGIORNO (Art. 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208) prevede espressamente che il credito d’imposta non è cumulabile con aiuti “de minimis”, né con altri aiuti di Stato che abbiano ad oggetto i medesimi costi ammissibili.

Il credito di imposta è un aiuto di stato ai sensi dell’art. 32 della legge 102.

Pertanto si conferma la non cumulabilità dei due aiuti.
96 - (D) Gentilissimi con la presente sono a chiedervi la dicitura da riportare sulle targhette apposte sui beni di investimento.
Grazie

(R)
La dicitura è la seguente: “Operazione cofinanziata dall’Unione europea – P.O.R. Puglia 2014-2020 – Fondo FESR – Asse prioritario III – obiettivo specifico 3e Azione 3.6”.
in ogni caso è pubblicato in modulistica sul sito sistema.puglia uno standard di targa.
Pag. 6 di 25 : Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. [10 Succ.]