Sistema Puglia - Il portale per lo sviluppo e la promozione del territorio e delle imprese - Regione Puglia - Area Politiche per lo Sviluppo il Lavoro e l'Innovazione

RISOLUZIONE N. 2/2020/ARTIGIANATO - Attività di protesi ungueali e attività di ricostruzione dell'unghia. Trasferimento della sede dell'impresa.

Immagine associata al documento: OGGETTO: Attività di protesi ungueali e attività di ricostruzione dell'unghia. Trasferimento della sede dell'impresa.

Con riferimento alla decisione CRAP del 21.01.2016 "Parere su attività di protesi ungueali e attività di ricostruzioni dell'unghia. Aggiornamenti" ci viene chiesto di conoscere la documentazione da richiedere, in caso di trasferimento di sede e ai fini della pubblicità del responsabile tecnico, alle imprese iscritte al registro imprese e albo artigiani, che alla data del 21.01.2016 non sono in possesso dei requisiti professionali previsti dalla L.1/90.
Alcuni Comuni in alcuni casi specifici hanno annullato la SCIA di trasferimento della sede d'impresa ritenendo che l'attività non sia disciplinata dalla L. 1/90, legittimando l'esercizio dell'attività da parte "… di nuove figure professionali ignote alla legge statale".

Si precisa che il parere espresso dalla CRAP in data 21.01.2016 è stato formulato su richiesta di alcune associazioni per rivedere il parere n. 41/2007 rilasciato dalla CRA, concernente l'attività di protesi ungueali, applicazione di tips preformati senza utilizzo di prodotti cosmetici. L'intervento della CRAP si rese necessario perché il predetto parere fu erroneamente interpretato in maniera estesa, nel senso di individuare l'attività di onicotecnica quale nuova professione, distinta da quella di estetista disciplinata dalla legge 1/1990.

La totalità delle Camere di Commercio italiane, da indagine effettuata in altre regioni, avevano autorizzato l'iscrizione di imprese per lo svolgimento dell'attività di "applicazione e decorazione di unghie artificiali (ad esclusione delle attività di cui alla legge 1/90)" in considerazione del fatto che il procedimento era ritenuto più semplice e meno impattante rispetto alle attività svolte da un estetista, il cui svolgimento è subordinato al possesso del requisito professionale, tanto da definirla una professione libera iscrivibile all'albo artigiano se fossero stati validi i requisiti della legge quadro n. 443/1985.

A tal proposito nell'art. 8 della L. 1/90 viene citato il D.Lgs. 1142/1970, tuttora vigente, che all'articolo 2 stabilisce: "Non costituiscono titolo di riconoscimento della qualificazione professionale gli attestati ed i diplomi rilasciati a seguito di frequenza di corsi di addestramento e di scuole professionali, che non siano stati autorizzati e riconosciuti dai competenti organi dello Stato".

Premesso ciò, in linea con quanto previsto per le procedure di abilitazione, si ritiene che una richiesta di trasferimento di sede da parte di queste imprese possa essere autorizzata anche senza presentazione di SCIA.

Infine, per quanto riguarda l'applicazione della disposizione del parere 21.01.2016, la stessa deve ritenersi vigente e applicabile alle imprese che intendono avviare exnovo qualsiasi attività riconducibile o affine alla professione di estetista, in attesa di un apparato normativo statale come richiamato dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 217/2015 e ribadito nella Circolare MISE n. 345354 del 26.09.2018.

Scarica il Documento    [Scarica  .pdf  - 1.2 Mb]      
 

Data Pubblicazione sul portale: 13 Agosto 2020
Fonte: Sezione attivita' economiche artigianali e commerciali
Aree Tematiche: Sistema Puglia, Politiche per lo Sviluppo
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Scaricato: 304 volte
Letto: 101 volte