2023: Anno Europeo delle Competenze

Immagine associata al documento: 2023: Anno Europeo delle Competenze

In seguito alla proposta della Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, lanciata nel suo discorso sullo stato dell'Unione 2023(quindi adozione da parte dei ministri in sede di consiglio Occupazione e Politica sociale EPSCO, e successiva risoluzione legislativa del Parlamento Europeo del 30.03.2023), il 2023 è stato proclamato "Anno europeo delle competenze".

Gli Anni europei sono dedicati ad un determinato tema con l'obiettivo di sensibilizzare i cittadini, incoraggiare il dibattito e il dialogo a livello europeo e nazionale.

Perchè l'Anno europeo delle competenze

La disponibilità di un ricco bagaglio di competenze rappresenta un elemento decisivo per cogliere le opportunità offerte dalla transizione verde e digitale . Tuttavia, attualmente oltre tre quarti delle imprese dell'UE incontrano difficoltà a trovare lavoratori qualificati e i dati Eurostat più recenti indicano che solo il 37% degli adulti segue dei corsi di formazione . Inoltre, 4 cittadini europei su 10 (1 lavoratore su 3) non dispongono delle competenze digitali di base . L' apprendimento lungo tutto l'arco della vita è un aspetto decisivo per la crescita delle competenze individuali e per l'economia in generale. Per questo motivo, gli Stati UE hanno approvato gli obiettivi sociali dell' UE per il 2030, in base ai quali è auspicato il raggiungimento dei seguenti target (relativamente all'apprendimento e allo sviluppo delle competenze):

- almeno il 60% degli adulti dovrebbe partecipare ogni anno ad attività di formazione, contribuendo in tal modo a raggiungere entro il 2030 l'obiettivo di un tasso di occupazione di almeno il 78%.
- almeno l'80% degli adulti dovrebbe possedere per lo meno le competenze digitali di base e dovrebbero essere impiegati 20 milioni di specialisti delle TIC, mentre un numero maggiore di donne dovrebbe essere incoraggiato a svolgere tali attività professionali.

Anno europeo delle competenze, obiettivi e azioni per la competitività

Con l'Anno europeo delle competenze, l'UE intende perseguire quattro obiettivi principali :

1. promuovere investimenti maggiori, più efficaci e inclusivi nella formazione e nel miglioramento del livello delle competenze per sfruttare appieno il potenziale della forza lavoro europea e sostenere le persone nel passaggio da un posto di lavoro a un altro;
2. garantire che le competenze siano adeguate alle esigenze del mercato del lavoro, anche cooperando con le parti sociali e le imprese;
3. abbinare le aspirazioni e le competenze delle persone alle opportunità offerte dal mercato del lavoro, in particolare per la transizione verde e digitale e la ripresa economica. Si presterà particolare attenzione all'attivazione di un maggior numero di persone per il mercato del lavoro, in particolare donne e giovani che non hanno un lavoro né seguono un percorso scolastico o formativo;
4. attrarre persone provenienti da paesi terzi con le competenze necessarie all'UE, anche rafforzando le opportunità di apprendimento e la mobilità e agevolando il riconoscimento delle qualifiche.

Per raggiungere questi obiettivi la Commissione promuoverà iniziative per migliorare il livello delle competenze e di riqualificazione; campagne di sensibilizzazione sul miglioramento delle competenze; attività di analisi del fabbisogno di competenze ; azioni per favorire un più agevole riconoscimento delle qualifiche , comprese quelle rilasciate al di fuori dell'UE.

Il raggiungimento degli auspicati target e obiettivi strategici si realizza attraverso numerose iniziative, tra cui giova ricordare le seguenti:

• L'agenda per le competenze per l'Europa che costituisce il quadro di riferimento con 12 azioni chiavi specifiche;

• Il patto per le competenze: grazie ai suoi 1 000 partecipanti e a 14 alleanze su vasta scala in settori strategici, s'impegna a contribuire all'aggiornamento delle competenze di fino a 6 milioni di persone.

• Le raccomandazioni del Consiglio sui conti individuali di apprendimento e sulle microcredenziali aiutano le persone ad aggiornare o completare le loro competenze in modo più flessibile e mirato.

• La coalizione dell'UE per le competenze e le occupazioni digitali si occupa del divario di competenze digitali riunendo tutti i partner interessati al fine di sensibilizzare e incoraggiare alla formazione in questo campo.

• La piattaforma europea per le competenze e le occupazioni digitali lanciata nell'ambito del meccanismo per collegare l'Europa offre informazioni e risorse sulle competenze digitali, come ad esempio uno strumento di autovalutazione.

• Il dialogo strutturato con gli Stati membri dell'UE sull'istruzione e le competenze digitali mira a stabilire come introdurre le nuove tecnologie digitali nell'istruzione e come contribuire a migliorare le competenze digitali.

• La nuova agenda europea per l'innovazione propone alcune importanti iniziative e una serie di azioni per creare le condizioni adatte per i nostri talenti.

• La strategia europea per le università propone diverse azioni per sviluppare competenze di alto livello e adeguate alle esigenze future per un'ampia gamma di discenti, compresi coloro che partecipano all'apprendimento permanente.

• La creazione di un bacino di talenti dell'UE e di partenariati volti ad attirare talenti con un gruppo di paesi terzi contribuirà ad adeguare alle esigenze del mercato del lavoro le competenze di chi si candida a lavorare in Europa.

  -          
 
Data Pubblicazione sul portale: 11 Maggio 2023
Fonte: Sezione Politiche e Mercato del Lavoro
Aree Tematiche: Opportunità di Lavoro Eures, Politiche per lo Sviluppo, Sistema Puglia, Politiche e Mercato del Lavoro
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Letto: 460 volte