Titolo II Capo 6 - Circolante - FAQ

 

Dal riquadro Documenti FAQ è possibile scaricare le FAQ in formato pdf ed excel.

Nel caso del documento pdf, se il numero di FAQ presenti in elenco è superiore al numero di FAQ contenute nel documento pdf, è possibile generare una versione aggiornata del documento.

Se il numero di FAQ è elevato la procedura di generazione del documento potrebbe durare qualche minuto.

Imposta campi per la ricerca
Documenti FAQDocumento in formato pdf (contiene 5 FAQ) - [Scarica  .pdf  - 14 Kb]
Documento in formato excel - [Scarica file.xls]

..: Sono presenti 5 FAQ :..


5 - (D) Buongiorno, la mia azienda nel corso dell'esercizio 2019 ha registrato un livello di occupazione pari a 0,40 ULA. Posso richiedere la sovvenzione del 30%,
obbligandomi a mantenere l'occupazione del 2019 nell'esercizio 2022?

(R)
Si rammenta che la finalità del Titolo II Circolante è quella di
garantire la continuità dell'operatività aziendale e la salvaguardia
dell'occupazione, come previsto dal comma 7 dell'art. 22: "La sovvenzione
diretta del 30% potrà essere richiesta esclusivamente da Soggetti proponenti
che abbiano avuto occupati in termini di ULA nell'esercizio 2019". Il
livello di ULA da Lei indicato ha un valore non sufficiente per
l'ottenimento della maggiorazione prevista, in quanto non consente di
perseguire l'obiettivo della salvaguardia dell'occupazione. Affinché la
premialità del 10% di contributo in più possa essere concessa è necessario
che i livelli occupazionali dell'anno 2019 assumano un valore significativo
e, comunque, non inferiore ad 1 ULA. Si ricorda, inoltre, che i soci
lavoratori o i titolari delle ditte individuali se iscritti nel libro unico
del lavoro concorrono alla determinazione delle ULA ai fini del calcolo
della dimensione di impresa, ma per le motivazioni su esposte non concorrono a determinare quei livelli di ULA che in presenza di impegno al mantenimento occupazionale, possano garantire la premialità aggiuntiva del 10%.
4 - (D) Buongiorno, con la presente si chiede di conoscere se il fondo perduto viene erogato al termine del programma di spesa o successivamente all'erogazione del finanziamento bancario. Cordiali saluti

(R)
Il provvedimento di concessione e liquidazione delle agevolazioni può essere adotatto solo dopo la delibera e l'erogazione del finanziamento da parte della banca e al completamento della verifica istruttoria di Puglia Sviluppo. Pertanto non è richiesta la rendicontazione delle spese ma l'impresa è tenuta a conservare tutta la documentazione riferita all'utilizzo del finanziamento per le spese di circolante. i Soggetti proponenti dovranno inviare entro 12 mesi dall’erogazione del finanziamento, attestazione del legale rappresentante del Soggetto proponente di aver utilizzato l’intero finanziamento per la copertura di costi afferenti all’operatività aziendale.
3 - (D) Buongiorno! Sull'allegato A nella tabella A8 si chiedono i dati occupazionali relativi all'anno precedente l'intervento. I dati richiesti si riferiscono in ogni caso all'ultimo anno con bilancio approvato (ad es. il 2018 se il bilancio 2019 non è ancora approvato)?. Grazie

(R)
Nella tabella indicata è necessario inserire i dati a consuntivo all’ultimo bilancio approvato utili ai fini della determinazione della dimensione d’impresa come da definizione di cui alla raccomandazione 2003/361/CE della Commissione del 6 maggio 2003. Pertanto, se il bilancio 2019 non dovesse essere ancora stato approvato dovranno essere inseriti i dati del 2018, ciò in linea con la DSAN di dimensione di impresa che dovrà essere allegata.
Con riferimento al secondo prospetto, il quale deve essere compilato esclusivamente se il Soggetto proponente dichiara di impegnarsi ad assicurare nell’esercizio 2022 i livelli occupazionali in termini di ULA riferiti all’esercizio 2019, le informazioni da inserire sono, invece, necessariamente da riferirsi all’esercizio 2019 e all’esercizio 2022.
2 - (D) Buonasera! Nell'allegato A alla tabella A8 si chiedono i dati in ULA riguardo all'anno antecedente all'avvio dell'investimento. Si intende quello relativo all'ultimo bilancio approvato, quindi anche il 2018 in caso di bilancio 2019 ancora da approvare (al pari di quanto richiesto per il titolo II capo VI ordinario)?
Grazie

(R)
E' necessario inserire i dati a consuntivo all’ultimo bilancio approvato utili ai fini della determinazione della dimensione d’impresa come da definizione di cui alla raccomandazione 2003/361/CE della Commissione del 6 maggio 2003. Pertanto, se il bilancio 2019 non dovesse essere ancora stato approvato dovranno essere inseriti i dati del 2018, ciò in linea con la DSAN di dimensione di impresa che dovrà essere allegata.
Con riferimento al secondo prospetto, il quale deve essere compilato esclusivamente se il Soggetto proponente dichiara di impegnarsi ad assicurare nell’esercizio 2022 i livelli occupazionali in termini di ULA riferiti all’esercizio 2019, le informazioni da inserire sono, invece, necessariamente da riferirsi all’esercizio 2019 e all’esercizio 2022.
1 - (D) salve, in riferimento a Capo VI circolante TURISMO, cortesemente vorrei sapere:
- in quanto tempo deve essere speso l'importo eventualmente finanziato; intendo dire: se ottenessimo l'importo di 30.000 euro, lo stesso deve fare riferimento alle spese correnti (circolante) di un solo anno o più anni? e quanti, nel secondo caso?
- Nell'Avviso, al punto terzo, si fa riferimento a progetti di investimento; il finanziamento quindi po' anche essere utilizzato per investimenti e non solo per circolante (spese correnti)?
- al bando possono partecipare imprese il cui socio è altra impresa o sono imprese con soci persone fisiche?
molte grazie

(R)
i Soggetti proponenti dovranno inviare entro 12 mesi dall’erogazione del finanziamento, attestazione del legale rappresentante del Soggetto proponente di aver utilizzato l’intero finanziamento per la copertura di costi afferenti all’operatività aziendale. I Soggetti proponenti sono tenuti a conservare la documentazione completa relativa alle spese sostenute per l’operatività aziendale. Le spese devono essere sostenute e pagate dopo l'erogazione del finanziamento ed entro 12 mesi anche se riferite a fatture precedentemente scadute e, a causa appunto dell'emergenza, non pagate.
Pag. 1 di 1 : 1