TecnoNidi - FAQ

 

Dal riquadro Documenti FAQ è possibile scaricare le FAQ in formato pdf ed excel.

Nel caso del documento pdf, se il numero di FAQ presenti in elenco è superiore al numero di FAQ contenute nel documento pdf, è possibile generare una versione aggiornata del documento.

Se il numero di FAQ è elevato la procedura di generazione del documento potrebbe durare qualche minuto.

Imposta campi per la ricerca
Documenti FAQDocumento in formato pdf (contiene 23 FAQ) - [Scarica  .pdf  - 22 Kb]
Documento in formato excel - [Scarica file.xls]

..: Sono presenti 23 FAQ :..


23 - (D) Nel caso di spin off universitari o della ricerca che intendano richiedere ad agevolazione le spese per l’acquisizione di attivi immateriali (di cui all’art. 5 dell’Avviso) da soggetti del sistema della ricerca (corrispondenti con la definizione di Organismo di ricerca di cui al Regolamento UE n. 651/2014), interviene l’esclusione prevista alla lettera o) comma 8 dell’art.5 ?

(R)
No, le acquisizioni da Organismi di ricerca rispondenti alla definizione richiamata, non sono considerate acquisti infragruppo in ragione delle caratteristiche e delle specifiche finalità dell’attività svolta dai suddetti Organismi e, pertanto, non rientrano nelle limitazioni di cui alla lettera o comma 8 dell’art. 5 dell’Avviso.
22 - (D) Per la quotazione del valore giornata/uomo in caso di realizzazione o sviluppo ad hoc di una piattaforma/app, ci sono dei parametri di riferimento ?

(R)
Sì, si può fare riferimento a quanto previsto negli altri bandi regionali, a partire da quanto stabilito nell'allegato 5 all’Avviso Innonetwork, già pubblicato sul BURP n. 128 del 08/11/2016.
21 - (D) Il Governo Italiano, con il Decreto Legge “Cura Italia” n. 18/2020, ha introdotto la possibilità per talune imprese di ricorrere ai sussidi previsti dalla CIG in deroga. Come può impattare il ricorso a tali misure con le spese da rendicontare ai sensi del progetto agevolato dal Fondo Tecnonidi ?

(R)
Come comunicato in precedenti risposte, la previsione dell’Avviso è riferita alla retribuzione netta effettivamente percepita dal dipendente dell’impresa beneficiaria, come rilevabile dal cedolino paga. Il Decreto cd. “Cura Italia” n. 18/2020 convertito in L. 27/2020 ha disciplinato, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, il riconoscimento di trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga ai datori di lavoro del settore privato, ivi inclusi quelli agricoli, della pesca e del terzo settore che non abbiano più di 5 dipendenti, prevedendo che per i medesimi lavoratori il pagamento della Cassa Integrazione in Deroga sia effettuata direttamente da parte dell’INPS. In conseguenza di ciò, nei cedolini paga dei dipendenti delle aziende interessate dall’avviso Tecnonidi non compariranno le somme che i dipendenti riceveranno a titolo di Cassa Integrazione in Deroga.
20 - (D) In che fase del progetto e con quale modalità è possibile variare le spese richieste ad agevolazione ? Può valere anche per le spese in attivi immateriali ?

(R)
Al fine di rendere celere l’esecuzione del progetto è necessario tenere presente che, in occasione della presentazione dell’istanza definitiva (nel giorno del pitch) è necessario confermare (o aggiornare) il piano delle spese. Per cui è opportuno che le indicazioni riportate in domanda definitiva siano durevoli, in quanto è vero che l’Avviso all’art. 16 ha contemplato l’eventualità di modifiche al piano investimenti con una procedura snella, ma in caso di variazioni (di fornitore e/o di fornitura) di attivi immateriali realizzati ad hoc per l’impresa beneficiaria, è necessario riprendere l’iter valutativo effettuato in fase istruttoria e supportare la variazione con la perizia giurata prevista alla lettera h comma 3 dell’art. 6. Per cui, al fine di rendere rapida l’esecuzione del progetto, è necessario valutare prima del colloquio gli aggiornamenti necessari per il piano spese, acquisendo preventivi aggiornati e verificando l'immediata fruibilità della sede operativa.
19 - (D) Per l’erogazione dei contributi in conto esercizio, è possibile riutilizzare la polizza per ottenere una seconda anticipazione ?

(R)
Sì, è possibile farlo documentando la realizzazione di spese ammissibili per un importo pari almeno al 40% del totale costi di funzionamento agevolati. In tal modo si rientra nella casistica prevista alla lettera a, paragrafo 7 dell’art. 17 per quanto concerne lo stato avanzamento lavori, ed è quindi possibile ricorrere alla polizza per ottenere un’ulteriore anticipazione.
Pag. 1 di 5 : 1 2 3 4 5 Succ.