Titolo II - Capo 3 - FAQ

 

Dal riquadro Documenti FAQ è possibile scaricare le FAQ in formato pdf ed excel.

Nel caso del documento pdf, se il numero di FAQ presenti in elenco è superiore al numero di FAQ contenute nel documento pdf, è possibile generare una versione aggiornata del documento.

Se il numero di FAQ è elevato la procedura di generazione del documento potrebbe durare qualche minuto.

Imposta campi per la ricerca
Documenti FAQDocumento in formato pdf (contiene 126 FAQ) - [Scarica  .pdf  - 77 Kb]
Documento in formato excel - [Scarica file.xls]

..: Sono presenti 124 FAQ :..


46 - (D) L'acquisto dell'immobile è agevolato con il contributo in conto capitale del 20%?

(R)
No, l’acquisto dell’immobile è considerato opera muraria, come previsto nell’art. 4 comma 2 dell’Avviso ; come chiarito al punto 8 dell’Art. 37 del Regolamento, “con esclusivo riferimento agli investimenti in macchinari ed attrezzature, potrà essere erogato un contributo aggiuntivo in conto impianti che non potrà essere superiore al 20%....”.
45 - (D) Buongiorno,
volevo sapere se un azienda con più codici Ateco attivi, uno dei quali presenti nell' elenco del bando può richiedere finanziamento con il titolo II?

(R)
Si. Sarebbero riconoscibili le sole spese riferite all’attività ammissibile ai sensi del Titolo II – Capo 3.
Nel caso della presenza di attività ad oggi non ammissibili ai sensi del Titolo II – Capo, e nel caso in cui i beni oggetto di agevolazione possano essere utilizzati sia per una attività ammissibile che per una attività non ammissibile, in sede di verifica istruttoria sarà necessario che l’impresa fornisca perizia giurata di un tecnico abilitato (Geom., Arch. o Ing.) all’interno della quale lo stesso tecnico deve riportare analiticamente e proporzionalmente tutte le spese - sia in opere murarie sia in macchinari, impianti ed attrezzature - previste nel piano degli investimenti, suddividendole esattamente per ciascuna attività che l’impresa svolge presso la sede oggetto di richiesta di agevolazioni. Inoltre, dovrà essere fornito layout con indicazione dei mq e della destinazione delle varie aree del locale oggetto di richiesta di agevolazioni.
44 - (D) Tra i codici ammissibili vi è quello di studio odontoiatrico. Il dentista libero professionista con p.iva ma senza iscrizione in CCIAA può presentare domanda di contributo?Grazie saluti

(R)
Le imprese proponenti devono essere iscritte nel registro delle imprese.
La risposta è, pertanto, negativa.
43 - (D) Faccio riferimento ad un'azienda con sede legale in provincia di Bari e sede operativa a Matera.

Dovremmo fare un investimento a Matera e gradirei sapere se per questa circostanza fosse possibile presentare domanda di agevolazioni ai sensi del Titolo II - Capo III.

Saluti

(R)
Ai sensi dell’art. 3 co. 9 “Le iniziative agevolabili devono essere riferite a unità locali ubicate nel territorio della regione Puglia”. Pertanto, se la sede oggetto di investimento non è sul territorio regionale l’investimento non è ammissibile al Titolo II capo 3.
42 - (D) L'azienda A ha presentato un piano di investimenti (relativamente alla vecchia versione del bando) che prevede, tra i fornitori, l'azienda B, che si occuperà della realizzazione di parte delle opere murarie. La compagine societaria di A è composta da 4 soci, 1-2-3-4. 1-2-3 sono fratelli e 3-4 sono coniugi. l'amministratore della società è un'altra persona terza alla compagine societaria.La compagine societaria di B è composta da 2 soci, nello specifico, sono gli soci 3-4 della società A.
A questo punto, le prestazioni offerte da B ad A sono ammissibili?

(R)
Nelle fattispecie di cui al quesito posto (fornitura da parti correlate) sarà necessario produrre una perizia tecnica attestante che non vi siano state operazioni che abbiano contribuito ad aumentare il costo di esecuzione dell’opera senza alcun valore aggiunto, che tutta la fornitura sia avvenuta a valori di mercato e che non ci sono state rifatturazioni intermedie; qualora vi siano fatturazioni intermedie, fermo restando che i beni non devono essere mai stati utilizzati, dette fatturazioni non devono presentare incrementi del costo del bene rispetto a quello fatturato dal produttore o suo rivenditore.
Pag. 17 di 25 : [10 Prec.] Prec. 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Succ. [10 Succ.]