Gli investimenti industriali in R&S nell'Unione Europea

Immagine associata al documento: Gli investimenti industriali in R&S nell'Unione Europea Nonostante la crisi economica, gli investimenti in ricerca e sviluppo delle imprese europee sono aumentati dell'8,1% nel 2008, secondo "il cruscotto dell'UE sugli investimenti in R&S industriali" del 2009, pubblicato lunedì 16 novembre. In materia di investimenti in R&S, le imprese dell'UE pubblicano migliori risultati di quelli delle imprese nel mondo, che hanno avuto una crescita del 6,9%. Due imprese dell'UE appaiono fra le dieci meglio classificate: Volkswagen occupa il terzo posto, con 5,93 miliardi di euro d'investimenti in R&S, e Nokia si classifica ottavo.
"Nel contesto di crisi economica che abbiamo conosciuto nel 2008, il mantenimento in aumento degli investimenti in R&S delle imprese dell'UE costituisce buone notizie. È la migliore strategia perché queste imprese escano più forti dalla crisi", ha detto Janez Potoènik, il commissario europeo incaricato della scienza e della ricerca. Il cruscotto dell'UE mostra che le imprese dell'UE sono riuscite a mantenere la crescita dei loro investimenti in R&S praticamente invariate, all'8,1% contro l'8,8% nel 2007, mentre quella delle imprese americane ha rallentato, che passano dall'8,6% nel 2007 al 5,7% nel 2008. Una volta ancora, la più forte crescita della R&S è realizzata dalle imprese stabilite in paesi ad economia emergente: Cina (40%), India (27,3%), Taiwan (25,1%) e Brasile (18,6%). Gli effetti della crisi si considerano tuttavia in altri indicatori come gli utili di esercizio delle imprese, che sono calati del 30,5% nell'UE. Fra le 10 imprese che investono più nelle R&S, due sono insediate nell'UE, Volkswagen e Nokia, cinque insediate negli Stati Uniti, tra cui Microsoft, General Motors e Pfizer, ed una insediata in Giappone, Toyota, che occupa il primo posto della classifica con 7,61 miliardi di euro. Fra i 50 investitori più importanti in materia di R&S, si trovano 16 imprese dell'UE, 18 degli Stati Uniti e 13 imprese giapponesi. Negli Stati Uniti, la crescita della R&S è predominata dai prodotti farmaceutici e la biotecnologia come pure le tecnologie dell'informazione. Nell'UE, la crescita della R&S è distribuita in modo abbastanza equilibrato tra i settori, anche se le imprese europee sono in testa nei settori delle macchine, dei componenti per macchine, delle attrezzature elettroniche ed elettriche o anche dei prodotti chimici.
La tabella di marcia conferma infine l'importanza dell'attività di R&S nell'ambito delle imprese attive nelle tecnologie legate alle energie rinnovabili. Essa fornisce informazioni sulle prime 1.000 imprese dell'UE e le prime 1000 imprese fuori UE in termini d'investimento nelle R&S.       - [Scarica  .pdf  - 2.13 Mb][Apri   .pdf ]       
 
Data Pubblicazione sul portale: 17 Novembre 2009
Fonte: Commissione Europea
Aree Tematiche: Sistema Puglia, Sportello Europa
Redazione: Redazione Uffici Bruxelles
Scaricato: 624 volte
Letto: 92 volte