Fondo per il Sostegno alla Flessibilità

Immagine associata al documento: Fondo per il Sostegno alla Flessibilità L'Ente Bilaterale del Commercio, Distribuzione e Servizi (EBITER) della Provincia di Bari ha indetto l'Avviso Pubblico: Fondo di Sostegno alla Flessibilità, pubblicato nel B.U.R.P. n.3 del 9 gennaio 2014, relativo all'accesso al Fondo di sostegno alla flessibilità e alla genitorialità dei lavoratori addetti al settore Commercio e Distribuzione dipendenti da imprese/società iscritte all'Ente, con sede nelle province di Bari e Barletta-Andria-Trani.
I Fondi di sostegno alla flessibilità sono stati costituiti con risorse regionali e il co-finanziamento degli Enti bilaterali risultati ammessi a seguito di apposito Avviso di selezione, vale a dire:
EBITER, ENTE BILATERALE TURISMO PUGLIA ed ENTE BILATERALE ARTIGIANATO PUGLIA.

E' possibile presentare domanda di accesso ai vari Fondi per l'integrazione di misure economiche già previste dalla legislazione nazionale o dalla contrattazione collettiva di categoria a sostegno della maternità, della paternità, della genitorialità, della cura di minori disabili e altro.

La domanda unitamente agli altri documenti dovrà essere inviata in plico chiuso al seguente indirizzo:
Ente Bilaterale del Terziario
Fondo sostegno alla flessibilità

Via G.Amendola, 172/C - 70126 Bari BA
tramite posta con raccomandata a/r.

Le domande verranno valutate dalla Commissione di valutazione prevista dal Bando per ciascun trimestre di riferimento, in base alla data di spedizione della stessa.
L'esaurimento delle risorse disponibili del Fondo verrà tempestivamente comunicata con avviso sul sito internet dell'Ente Bilaterale del Terziario www.ebiterbari.com
Le informazioni in ordine al presente Avviso potranno essere richieste:
via mail a: info@ebiterbari.com o telefonicamente al numero 080 5240807 dalle ore 16.30 alle ore 18.30 dei giorni lunedì, mercoledì e venerdì.

      -          
 
Riferimenti (ALT+"D")
Data Pubblicazione sul portale: 22 Gennaio 2014
Aree Tematiche: Sistema Puglia
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Letto: 914 volte