Laboratori dal basso: Minervini e Sasso presentano primi risultati

Immagine associata al documento: Laboratori dal basso: Minervini e Sasso presentano primi risultati Intraprendenti, affamati di conoscenza, audaci, curiosi: è l'identikit dei giovani che hanno preso parte, in qualità di fruitori o di organizzatori, a Laboratori dal Basso, un'azione sperimentale promossa e gestita dall'ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione e dal programma regionale Bollenti Spiriti, per rafforzare le competenze di chi fa impresa sul territorio pugliese, incoraggiando la condivisione della conoscenza e lo scambio tra generazioni.
Questa mattina, presso la presidenza della Regione Puglia, gli assessori regionali alle Politiche giovanili e al Diritto allo studio e formazione, Guglielmo Minervini e Alba Sasso, con la presidente dell'ARTI, Eva Milella, hanno presentato i dati relativi alla prima tranche di laboratori approvati e già realizzati.
La misura, appartenente alla più ampia azione "Innovazione per l'Occupabilità" cofinanziata dall'UE attraverso il PO FSE 2007-2013, si articola in tre sottoazioni: Laboratori, Testimonianze e Mentoring.

I Laboratori sono percorsi di apprendimento dal basso, ideati da giovani imprese o associazioni nel tentativo di accrescere le loro competenze imprenditoriali. Incontrare i grandi protagonisti dell'imprenditoria e dell'innovazione ed avere la possibilità di ascoltare la loro esperienza è, invece, l'obiettivo dell'azione Testimonianze. Mentoring punta a mettere al servizio di giovani imprese e associazioni, imprenditori esperti che possano dare un prezioso aiuto nella fase di start up. Mettere in rete idee e competenze, moltiplicare le opportunità di apprendimento costruite dal basso, entrare in contatto con comunità tematiche, approfondire competenze utili per il proprio orizzonte lavorativo: interpretando queste esigenze espresse dai giovani pugliesi, la Regione e l'ARTI hanno disegnato l'azione sperimentale, proponendola al vaglio dei potenziali fruitori.

Ed ecco i numeri che descrivono in sintesi i primi risultati: 119 manifestazioni di interesse, 20 laboratori dal basso e 12 testimonianze realizzati fino ad ora e 6 nuovi laboratori in partenza a settembre, 190 co-progettazioni, oltre 60 eventi di presentazione della misura su tutto il territorio regionale, 2.500 mail di richieste di informazioni, quasi 16.000 visitatori sul sito e sulla piattaforma laboratoridalbasso.it, anche grazie allo streaming delle lezioni, 2.203 utenti della pagina Facebook.

Dei 20 Laboratori realizzati finora, 12 ricadono nell'ambito tematico dello sviluppo dell'economia della conoscenza, 5 in quello dell'innovazione sociale e 3 in quello della tutela e valorizzazione del territorio. Le proposte dei Laboratori e delle Testimonianze sono state molto diversificate, spaziando dalle grandi questioni contemporanee a temi più di frontiera. Le buone pratiche per lo sviluppo sostenibile, la progettazione europea e la mediazione culturale, l'economia della creatività e l'artigianato digitale, la valorizzazione degli archivi audiovisivi sono solo alcuni dei temi affrontati dai Laboratori dal Basso.
Grazie a Testimonianze, invece, sono stati chiamati a raccontare la propria esperienza di eccellenza imprenditori ed esperti come Paolo Ronchetti (fondatore della società Equilibrium), Ottavio Crivaro (fondatore della spin-off Mox-off), Alessandro Tomasi (Università di Trento, CryptoLab TN) o Matteo Pozzi (Optit srl). Ma non finisce qui: sono in corso di valutazione oltre 40 Laboratori e più di 20 Testimonianze.

Leggi il Comunicato Stampa       - [Scarica  .pdf  - 226 Kb][Apri   .pdf ]       
 
Data Pubblicazione sul portale: 04 Settembre 2013
Fonte: Ufficio Stampa Regione Puglia
Aree Tematiche: Sistema Puglia, Politiche per lo Sviluppo
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Scaricato: 529 volte
Letto: 210 volte