Inail: nel primo semestre 2011 incidenti sul lavoro in calo del 4%

Immagine associata al documento: Inail: nel primo semestre 2011 incidenti sul lavoro in calo del 4% Flessione del 4% degli infortuni sul lavoro in Italia nel primo semestre 2011 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (quando il calo era stata sensibilmente inferiore e pari al -1,9%). I dati - per quanto ancora provvisori - segnano, infatti, una riduzione di circa 16mila casi (da circa 388mila a 372mila). Restano quasi immutati, invece, gli episodi mortali: 428 vittime rispetto alle 431 del primo semestre 2010 (-0,7%), anno in cui - con una contrazione record - si scesi per la prima volta dal dopoguerra sotto la soglia dei 1000 morti.

"La riforma del Welfare continua a dare i suoi frutti". "Non mi piace cantare vittoria, soprattutto in un momento come questo quando la mente corre veloce alle recenti tragedie sul lavoro che hanno colpito diverse famiglie cambiando per sempre e in modo violento la loro vita, e per questo voglio testimoniare la mia vicinanza personale e quella dell'Istituto a tutti i famigliari delle vittime sul lavoro e ai tanti infortunati", commenta il presidente dell'INAIL, Marco Fabio Sartori. "Quanto ai dati nello specifico, va evidenziato che quel cammino di riforma del sistema che abbiamo iniziato ormai diversi anni fa insieme a tutti gli attori del sistema Welfare continua a dare risultati. Se, infatti, ogni singolo incidente sempre un dramma per il lavoratore che lo vive e per la sua famiglia, non possiamo non sottolineare che i dati riferiti agli infortuni nel primo semestre 2011 - con tutta la prudenza statistica del caso - testimoniano una sempre crescente attenzione sia da parte dei lavoratori che dei datori di lavoro alla tematica della sicurezza".

Scarica I dati provvisori sugli infortuni nel primo semestre 2011       - [Scarica  .pdf  - 100 Kb][Apri   .pdf ]       
Sito di riferimento: http://www.inail.it/
Data Pubblicazione sul portale: 30 Settembre 2011
Fonte: INAIL
Aree Tematiche: Lavoro e Formazione, Sistema Puglia
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Scaricato: 124 volte
Letto: 49 volte