Scheda Aiuti alla diffusione delle tecnologie dell'informazione e comunicazione nelle PMI

  Parole chiavi
  • Aumento dell'efficienza e della produttività attraverso l'integrazione della rete
  • miglioramento e qualificazione delle performance ambientali delle imprese
  • servizi comuni per l'innovazione delle imprese
  • valorizzazione dei sistemi di gestione della conoscenza a livello di reti di imprese
  • ampliamento del mercato e dei canali distributivi
  • partecipazione delle imprese femminili, giovanili e delle nuove imprese alla rete
  • soluzioni infotelematiche sperimentali che contribuiscono a migliorare la condizione di utenti disabili.
Obiettivi
L'intervento punta alla diffusione delle Tecnologie dell'Informazione e Comunicazione (TIC) nelle operazioni produttive e gestionali delle PMI, attraverso l'acquisizione di beni e servizi di consulenza specialistica, con particolare riferimento ai servizi digitali avanzati.

Destinatari
Piccole e medie Imprese (PMI) in forma singola o in raggruppamento

Beneficiari delle risorse
Il target dell'intervento riguarda due diverse tipologie di soggetti: PMI singole o:
  • Raggruppamenti di PMI strutturati con forma giuridica di "contratto di rete" ai sensi del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33.
  • Raggruppamenti di PMI strutturati secondo la forma giuridica di Consorzi e società consortili di PMI, costituiti anche in forma cooperativa
Modalità di attuazione
Avviso pubblico e pubblicazione delle graduatorie di merito

Settori ammissibili
Tutti, ad eccezione di quelli espressamente esclusi dal regime di aiuto applicati

Fonte di finanziamento
P.O. FESR - Asse I - Promozione, valorizzazione e diffusione della ricerca e dell'innovazione per la competitività.

Risorse disponibili
6.599.278,93 euro

Numero destinatari potenziali
almeno 88 PMI (max € 75.000,00 per impresa ed € 400.000 per raggruppamento).       -          
 
Data Pubblicazione sul portale: 25 Luglio 2011
Aree Tematiche: Sistema Puglia
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Letto: 93 volte