Il Sole 24 Ore - Stretta delle regioni sui confidi

Immagine associata al documento: Il Sole 24 Ore - Stretta delle regioni sui confidi Nel 2009 hanno sostenuto le imprese con oltre 9 miliardi di nuove garanzie, una cintura di protezione che nel 2010 si è allargata del 15%, secondo le proiezioni di Assoconfidi, l'associazione che raggruppa i consorzi di industria, artigianato, agricoltura e commercio. Quest'anno la partita più difficile per il sistema dei confidi italiani si gioca su due campi diversi: da un lato, proseguire nel sostegno alle imprese ancora in crisi: dall'altro, supportare le aziende sulla strada della ripresa. Sfide da affrontare in uno scenario dai contorni mutati dall'entrata in vigore delle nuove regole per i controlli sul patrimonio e dove potrebbe venire a mancare - o quanto meno ridursi - l'iniezione di fondi pubblici dalle regioni, che negli ultimi otto anni hanno trasferito ai confidi oltre 700 milioni di euro."Il settore è cresciuto rapidamente - spiega Luca Erzegovesi, ordinario di Finanza aziendale all'Università di Trento - e si è caricato di quote di rischio elevate, che potrebbero tradursi in un massiccio aumento delle insolvenze nel giro di un anno, un anno e mezzo". La solidità del patrimonio è dunque non solo un requisito imposto dalla riforma del Testo unico bancario che andrà a regime entro fine anno (e, in prospettiva, da Basilea3), ma anche un utile cuscinetto per ammortizzare le sofferenze. Patrimonio che si può rafforzare, secondo le norme attuale, solo attraverso versamenti delle imprese socie o fondi pubblici. Non è infatti passato l'emendamento al Milleproroghe che proponeva di aprire il capitale a soci non Pmi (banche ed enti pubblici in primis). "che avrebbe allargato in tempi rapidi - commenta Francesco Bellotti, presidente di Federconfidi, la Federazione che associa 47 consorzi del settore industriale - le possibilità di capitalizzazione". Sul versante degli aiuti pubblici, del resto, si annuncia un anno di magra per il sistema dei confidi. Sicilia e Campania sono in fase di approvazione del bilancio regionale e dai rispettivi assessorati allo sviluppo economico non si riescono ancora a quantificare le misure di sostegno all'accesso al credito.
In Piemonte gli operatori attendono - entro fine marzo - l'esito del lavoro dell'advisor messo all'opera dalla regione per definire un nuovo piano strategico e i conseguenti scenari operativi per rafforzare il sistema. "Il 2011 sarà un anno difficile - rileva Andrea Giotti, direttore di Eurofidi, il consorzio che lo scorso anno ha prestato 1,7 miliardi di garanzie, attivo principalmente in Piemonte - perché verranno a galla insolvenze e partite incagliate".[...]
In Puglia invece prosegue il piano triennale di sostegno ai consorzi con più di 3mila soci o con oltre 10 milioni di euro di operazioni in corso. Degli otto confidi ammessi al bando da 50 milioni si può controllare in tempo reale l'operatività collegandosi al sito del'assessorato allo sviluppo: a oggi sono state erogate garanzie per circa 287 milioni, per un totale di 1.817 pratiche.[...]

Da "Il Sole 24 Ore" del 28 febbraio 2011 (pag. I)

Leggi l'Articolo       - [Scarica  .pdf  - 302 Kb][Apri   .pdf ]       
 
Data Pubblicazione sul portale: 28 Febbraio 2011
Fonte: Il Sole24Ore
Aree Tematiche: Sistema Puglia, Rassegna Stampa
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Scaricato: 292 volte
Letto: 56 volte