Sistema Puglia - Il portale per lo sviluppo e la promozione del territorio e delle imprese - Regione Puglia - Area Politiche per lo Sviluppo il Lavoro e l'Innovazione

Scheda Offerta Formativa 2015

Immagine associata al documento: I percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) previsti dalla Legge n. 53 del 28 marzo 2003 e dal successivo decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, si ispirano al criterio della centralità dell'allievo e del suo successo formativo.
Tutto il percorso di apprendimento è centrato sulla crescita della persona che si confronta con compiti reali, interdisciplinari e disciplinari, per risolvere i quali mobilita le sue risorse al fine di acquisire competenze, indispensabili per il conseguimento di una qualifica. A tal fine i percorsi formativi triennali prevedono la personalizzazione dell'intera formazione per:
    1. valorizzare le risorse dei giovani orientandoli ad una professionalità competente sostenuta da una valenza culturale del lavoro ( insieme organico di competenze, conoscenze, abilità, di processi operativi e di criteri che costituiscono il fondamento di ogni comunità professionale), indispensabile per garantire agli stessi l'accesso al mercato del lavoro e, conseguentemente, favorire lo sviluppo regionale.
    2. aumentare il livello delle conoscenze e delle competenze possedute, così da prevenire anche l'abbandono dei percorsi formativi/scolastici;
    3. possibilità di passaggio concordato ad altri percorsi tramite laboratori di sviluppo e di recupero degli apprendimenti;
    4. affrontare con strumenti didattici innovativi il nodo della dispersione scolastica, degli insuccessi e della demotivazione. Tali percorsi di Istruzione e Formazione Professionale si caratterizzano come percorsi formativi meno teorici di quelli scolastici e maggiormente aderenti agli aspetti del mondo lavorativo, pur garantendo una adeguata formazione culturale di base. Di natura professionalizzante, offrono una didattica progettuale, una valutazione per competenze, conoscenze e abilità, nonché specifiche attività laboratoriali.

L'obiettivo che l'avviso O)F/2015 si propone è quello di coinvolgere una platea sempre più numerosa di giovani in uscita dall'obbligo scolastico verso il conseguimento del diritto-dovere all'istruzione ed alla formazione, consentendo, in tal modo, di raggiungere una pari dignità tra i sistemi di istruzione e formazione professionale.
L'offerta di IeFP rappresenta un'adeguata ed organica risposta ai fabbisogni formativi e professionali del territorio e tende, quindi, ad assicurare il successo scolastico e formativo a tutti gli allievi, ivi compreso l'assolvimento dell'obbligo di istruzione (comma 622 dell'art.1 della Legge n. 296 del 27/12/2006).
Ed è in quest'ottica che i percorsi triennali di Istruzione e Formazione Professionale, nel rispetto degli obiettivi di Lisbona, rispondono ai dettati delle disposizioni vigenti e contribuiscono al contrasto della dispersione e dell'abbandono scolastico, al fine di consentire il conseguimento di una qualifica professionale valida per l'ingresso nel mondo del lavoro con competenze adeguate. Dai risultati della ricerca avviata dall'ISFOL nel 2010 e pubblicata nel 2012, "Istruzione e Formazione Professionale", è emerso che i percorsi triennali di Istruzione e Formazione professionale (IeFP) sono un importante canale di accesso al mondo del lavoro: già a tre mesi dal conseguimento della qualifica un giovane su due ha trovato il suo primo impiego e dopo tre anni la quota degli occupati sale al 59%.
Sarebbe , quindi, opportuno inserire nelle proposte progettuali elementi innovativi tali da anticipare i fabbisogni formativi, in modo che l’offerta di lavoro si qualifichi come pronta ad affrontare le sfide del mercato, con un protagonismo utile a migliorare la propria capacità di essere assorbita dalla domanda di lavoro attuale e futura.
Il mercato oggi cambia di continuo: non conta soltanto quello che si sa fare, ma è importante acquisire l’attitudine a svolgere un lavoro e ad assimilarlo facilmente.
Pertanto i percorsi di qualifica triennale dovrebbero essere orientati verso settori che offrano, nel futuro, possibilità occupazionali reali, ma anche verso profili di carattere più specialistico ed innovativo, come del resto traspare dalle performances occupazionali e produttive del sistema Puglia.
La Puglia è una regione dove gli investimenti nel settore agroalimentare, del turismo, del patrimonio artistico e culturale, della ristorazione e dell’artigianato stanno favorendo la produzione di reddito e lavoro. Allora bisogna formare persone adatte ai nuovi mestieri per essere competitivi. E’ da evidenziare che il settore agroalimentare pugliese si sta sviluppando in Italia e all'estero e nuove frontiere si aprono per i prodotti del nostro territorio.
Non solo i profili più nuovi, ma anche i profili professionali più tradizionali potrebbero trovare una declinazione più specialistica/innovativa per consentire all’offerta di lavoro di inserirsi in un processo virtuoso di collocazione sul mercato.
L’ Avviso OF/2015 si propone pertanto:
  • di sostenere l'innalzamento generalizzato dei livelli di istruzione dei giovani e favorire il successo scolastico e formativo attivando azioni anche parallele e complementari all'offerta di istruzione, volte a prevenire e contrastare l'abbandono scolastico;
  • la pari dignità fra discipline e attività attinenti la formazione generale e culturale e le discipline professionalizzanti;
  • di realizzare misure di accompagnamento per sostenere il passaggio tra il sistema di istruzione e quello della formazione professionale e viceversa, anche attraverso procedure di riconoscimento dei crediti acquisiti, ai fini del raggiungimento di più alti livelli di istruzione e formazione;
  • di favorire l'attivazione di esperienze professionalizzanti finalizzate a favorire la transizione e l'inserimento nel mondo del lavoro
  • garantire una copertura territoriale coerente con l’obiettivo di un progressivo consolidamento dell’offerta formativa di istruzione e formazione professionale;
L’intero percorso triennale prevede una durata complessiva di 3.200 ore (1100 ore il 1° anno, 1100 il 2° anno, 1000 il 3° anno).
Il numero dei destinatari delle attività formative non dovrà essere inferiore a 12 allievi, vale a dire che il numero degli allievi del primo anno non dovrà essere inferiore a n. 12 (dodici). In presenza di particolari istanze socio-economiche e formative adeguatamente motivate, potrà essere autorizzato l'avvio con un numero inferiore (che comunque non potrà mai essere inferiore a n. 8).

DESTINATARI
I percorsi triennali di Istruzione e Formazione Professionale sono rivolti ai giovani che, terminato il primo ciclo di studi, manifestino la volontà di seguire un percorso formativo volto a consolidare e innalzare il livello delle conoscenze di base e delle competenze tecnico-professionali.
Pertanto, i destinatari dell’avviso sono i giovani che hanno conseguito nell'anno scolastico 2014/2015 il diploma di scuola secondaria di primo grado (licenza media) o che lo hanno conseguito negli anni precedenti, con età inferiore a 18 anni alla data dell'avvio delle attività didattiche.

COSTO PROGETTO
Il costo complessivo massimo di ciascun progetto (per n. 18 allievi e n. 3200 ore) è pari ad € 481.076,00. La Regione Puglia, Servizio formazione Professionale, si riserva la possibilità di incrementare il numero dei percorsi programmati qualora si rendessero disponibili ulteriori risorse finanziarie attraverso lo scorrimento della graduatoria predisposta con l’ Avviso OF/2015.[...]

Scarica la Scheda completa [Scarica  .pdf  - 81 Kb]      
 

Data Pubblicazione sul portale: 20 Agosto 2015
Aree Tematiche: Sistema Puglia, Politiche per lo Sviluppo, Formazione
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Scaricato: 2,081 volte
Letto: 105 volte