Programmi Integrati di Agevolazioni PIA Medie Imprese Singole o con Aderenti (Art. 26 Reg. Regionale 17/2014 e s.m.i.)

Immagine associata al documento: Programmi Integrati di Agevolazioni PIA Medie Imprese Singole o con Aderenti (Art. 26 Reg. Regionale 17/2014 e s.m.i.)Avviso a sportello a partire dal 03/06/2015
La gestione del presente strumento è di competenza della Regione Puglia che, ad eccezione della fase di erogazione dei contributi, procederà all'attuazione mediante Puglia Sviluppo SpA, in qualità di Soggetto Intermediario.

Cosa trovo in questa scheda?
Questa scheda contiene alcune informazioni sullo strumento finanziario "PIA - Programmi Integrati di Agevolazioni" rivolto ad imprese di media dimensione e a piccole e/o medie imprese in adesione alla media impresa proponente che intendano realizzare un investimento di tipo integrato nel territorio della Regione Puglia.
L'obiettivo di questa scheda è fornire un primo orientamento su questa opportunità.
Nota bene: le informazioni presenti in questa scheda sono puramente indicative e potrebbero subire variazioni. Invitiamo tutte le persone interessate a prendere visione dell'Avviso pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia del 14/05/2015 n.68 e sul sito www.sistema.puglia.it/piamedieimprese e delle successive modifiche, in particolare della Determina n. 540 del 08/08/2019 , pubblicata sul B.U.R.P. del 13/02/2020 n. 20.

Chi può richiedere l'agevolazione?
Può richiedere l'agevolazione:
- una impresa di media dimensione come da definizione di cui all'Allegato I del Regolamento (UE) 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, in regime di contabilità ordinaria, che alla data di presentazione della domanda abbia già approvato almeno due bilanci.
- una impresa di media dimensione non attiva controllata da una media impresa che abbia approvato almeno due bilanci alla data di presentazione della domanda.
- altre piccole e medie imprese, in regime di contabilità ordinaria, in adesione alla media impresa proponente che ne assume la responsabilità ai soli fini della coerenza tecnica ed industriale; in questa ipotesi, almeno i 2/3 delle PMI partecipanti al progetto integrato devono essere attive ed aver approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso. Inoltre, l'eventuale PMI aderente non attiva deve essere partecipata per almeno il 50% da altra PMI attiva che abbia già approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso. Infine, nell'ambito del progetto integrato, l'iniziativa imprenditoriale di competenza della media impresa proponente deve presentare spese ammissibili almeno pari al 50% dell'importo complessivo del medesimo e ciascun programma di investimento realizzato da micro, piccole e medie imprese deve presentare costi ammissibili non inferiori a euro 1 milione.

Quali attività posso realizzare con l'aiuto del PIA?
Con il PIA si possono realizzare investimenti in unità locali ubicate/da ubicare nel territorio della Regione Puglia e riguardanti:
a. la realizzazione di nuove unità produttive;
b. l'ampliamento di unità produttive esistenti;
c. la diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente;
d. un cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un'unità produttiva esistente.

[...]

continua a leggere e scarica la Scheda di sintesi completa - [Scarica  .pdf  - 337 Kb][Apri   .pdf ]
Data Pubblicazione sul portale: 14 Febbraio 2020
Fonte: Sezione competitivita' e ricerca dei sistemi produttivi
Aree Tematiche: Sistema Puglia, Politiche per lo Sviluppo, PIA Medie Imprese
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Scaricato: 636 volte
Letto: 46 volte