Sistema Puglia - Il portale per lo sviluppo e la promozione del territorio e delle imprese - Regione Puglia - Area Politiche per lo Sviluppo il Lavoro e l'Innovazione



Scheda PIA - Aiuti alle piccole imprese per progetti integrati di agevolazione

Sono ammissibili gli investimenti riguardanti il settore delle attività manifatturiere di cui alla sezione "C" della "Classificazione delle Attività economiche ATECO 2007", servizi di cui alla Classificazione delle Attività economiche ATECO 2007" "52", "58", "59", "61", "62" e "72", nonché le categorie e sottocategorie "38.21.01 Produzione di Compost", "38.32.1 Recupero e preparazione per il riciclaggio di cascami e rottami metallici", "38.32.20 Recupero e preparazione per il riciclaggio di materiale plastico per produzione di materie prime plastiche, resine sintetiche" e "38.32.3 Recupero e preparazione per il riciclaggio di rifiuti solidi urbani, industriali e biomasse" limitatamente al vetro ed al legno". Con riferimento alla categoria "38.21.01 Produzione di Compost", l'istanza di accesso dovrà contenere un atto unilaterale d'obbligo ad assicurare prioritariamente il fabbisogno dei Comuni Pugliesi. Tale documentazione costituisce condizione necessaria alla positiva valutazione istruttoria dell'istanza, attesa la necessità di garantire idoneo raccordo con la Pianificazione e Programmazione vigente nel settore di gestione dei rifiuti. Le proposte progettuali di cui ai suddetti codici Ateco, riferiti alle attività di valorizzazione dei rifiuti, possono essere ammesse previa acquisizione di specifico parere da parte dell'Area Politiche per la riqualificazione, la tutela e la sicurezza ambientale - Servizio Ciclo dei Rifiuti e Bonifica Ambientale della Regione Puglia. Tale parere deve pervenire a Puglia Sviluppo S.p.A. entro 30 giorni dalla presentazione della richiesta di parere, pena l'esclusione della domanda.

È ammissibile la trasformazione e la commercializzazione di prodotti agricoli, esclusa la trasformazione e commercializzazione dei prodotti di imitazione o di sostituzione del latte e dei prodotti lattiero-caseari, di cui all'articolo 3, paragrafo 2, del Regolamento (CEE) n. 1898/87. Sono validi i divieti e le limitazioni derivanti dalle vigenti normative dell'Unione Europea.

Obiettivo è creare occupazione, stabilità sociale e dinamismo economico; incentivare le piccole imprese pugliesi più dinamiche a consolidarsi, espandersi e innovarsi, con particolare riferimento alle imprese che, per dati di fatturato, presentano un potenziale tale da superare l'attuale soglia dimensionale; orientare gli interventi verso politiche di conciliazione vita/lavoro e favorire e sostenere la partecipazione femminile nel mondo del lavoro.

I beneficiari sono:
Le piccole imprese in regime di contabilità ordinaria che alla data di invio della domanda:
  • abbiano approvato almeno tre bilanci;
  • nei tre esercizi precedenti abbiano registrato un fatturato medio non inferiore a 1,5 milioni di euro;
  • abbiano registrato, nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda, un numero di ULA almeno pari a 10.
Le agevolazioni, compresa l'eventuale maggiorazione, per gli investimenti in ricerca, non potranno superare i seguenti importi:
a) Euro 1 milione per attività di ricerca industriale;
b) Euro 700 mila per attività di sviluppo sperimentale;
c) Euro 200 mila per i brevetti.

L'intensità di aiuto, unicamente per le attività di ricerca industriale, può essere aumentata di 15 punti percentuali, fino ad un massimo del 75%, nel caso di ricerca industriale, se i risultati del progetto sono ampiamente diffusi.

Le agevolazioni relative ai servizi di consulenza per le imprese sono concesse nel limite del 50% della spesa complessiva ritenuta congrua, pertinente e valutata ammissibile.
Le agevolazioni saranno calcolate su un importo finanziato massimo di 400 mila euro per impresa.

Avviso a sportello. Le domande di accesso potranno essere presentate a partire dal 10 settembre 2012.

- [Scarica  .pdf  - 142 Kb]
Data Pubblicazione sul portale: 22 Agosto 2012
Aree Tematiche: Sistema Puglia
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Scaricato: 2,407 volte
Letto: 6 volte