FAQ Avviso Pon Inclusione - RED

Dal riquadro Documenti FAQ è possibile scaricare le FAQ in documenti in formato pdf ed excel.

Nel caso del documento pdf, se il numero di FAQ presenti in elenco è superiore al numero di FAQ contenute nel documento, è possibile generare una versione aggiornata del documento.

Se il numero di FAQ sia elevato la procedura di generazione del documento potrebbe durare qualche minuto.

Imposta campi per la ricerca
Documenti FAQDocumento in formato pdf (contiene 8 FAQ) - [Scarica  .pdf  - 17 Kb]
Documento in formato excel - [Scarica file.xls]

..: Sono presenti 8 FAQ :..


  - (D) Poichè sono in possesso di due lauree: Sociologia e Economia e gestione aziendale, vorrei sapere come poter indicare entrambi i titoli nella scheda profilo.

(R)
E' possibile inserire due lauree solo per coloro che nella scheda di anagrafica scelgono i profili: D/ASS_SOC/1 e D/EDU/1.
Per chi sceglie gli altri profili rimane la possibilità di indicare un unico titolo di studio, atteso che la valutazione del punteggio è possibile solo con un titolo, e quindi conviene inserire sempre quella che di livello più elevato e con un migliore voto di laurea.
Mentre è sempre possibile inserire comunque due diplomi per il profilo C.
  - (D) Buongiorno, è possibile inserire le esperienze di stage all'interno delle esperienze professionali? in caso contrario, possono essere inseriti sotto la voce corsi formativi?
E come può essere dichiarata l'esperienza del servizio civile? potrà essere considerata in sede di valutazione?

(R)
Gli stage, i tirocini, le esperienze di volontariato NON possono essere considerati nè come esperienza professionale nè come corso formativo svolto.
Invece l'esperienza svolta per il servizio civile può essere dichiarata tra le esperienze professionali, ovviamente come esperienza generica (presso datore di lavoro pubblico e privato in relazione a dove è stato svolto il servizio) cioè non riconducibile alle aree di attività strettamente pertinenti per il concorso
10 - (D) Su quali materie e su quali argomenti si può impostare la preparazione di ciascun candidato per sostenere il colloquio di esame previsto dalla procedura di selezione, per coloro che supereranno la soglia minima di punteggio richiesta per accedere alla fase di colloquio?
E dove poter attingere documenti e testi utili alla preparazione?

(R)
Premettendo che l'art. 2 dell'Avviso pubblico cita espressamente come requisito di ammissione almeno quello della formazione specifica, si rinvia al bagaglio culturale e alla formazione di base di ciascun candidato per la conoscenza complessiva del contesto operativo cui si fa riferimento quando si parla di politiche di inclusione sociale attiva e di inserimento sociolavorativo di soggetti svantaggiati.
Si precisa che l'Avviso pubblico è rivolto a selezionare risorse umane che siano immediatamente inseribili in precisi contesti operativi, quali le equipe multiprofessionali che tutti gli Ambiti territoriali sociali dovranno attivare o stanno già attivando per la gestione delle misure di sostegno al reddito per il contrasto delle povertà, come introdotte negli ultimi due anni a livello nazionale (SIA - REI) e regionale (RED).
Non esiste, pertanto, un solo volume che possa riassumere il quadro di conoscenze complessivamente richiesto, anche perchè si fa riferimento sia a conoscenze di tipo giuridico-ammnistrative, che di tipo tecnico-sociale, organizzativo, socioeconomico.
Solo al fine di dare alcuni riferimenti per impostare la preparazione minima richiesta in sede di colloquio - fermo restando che saranno le Commissioni a definire le modalità di svolgimento dello stesso colloquio, nel rispetto dei criteri di trasparenza e pari opportunità - si precisa che è opportuna una conoscenza approfondita delle seguenti macroaree tematiche:
1- quadro costituzionale e normativo che definisce le competenze dello Stato, delle Regioni e dei Comuni in materia di politiche sociali e di politiche attive del lavoro (art. 117 Cost, l.n. 328/200, l.r. n. 19/2006, Reg. R. n. 4/2007, l.r. n. 23/2013, e ss.mm.ii.)
2 - quadro normativo nazionale e regionale in materia di misure per il contrasto alle povertà (l.r. n. 3/2016, Reg. R. n. 8/2016, DM 26.05.2016 e s.m.i., l.n. 33/2017 e D.Lgs. attuativo)
3- Programmazione comunitaria e regionale in materia di inclusione sociale attiva (POR Puglia 2014-2020, Piano Regionale Politiche Sociali 2013-2015 di cui alla Del. G.R. n. 1534/2013)
4- Linee guida nazionali per la presa in carico multiprofessionali per gli utenti SIA
5- Strumenti attuativi del ReD adottati dalla Regione Puglia (DGR n. 928/2016, DGR n. 1014/2016, e ogni atto conseguente)
6- Strumenti e dimensioni di analisi per la valutazione socioeconomica di un nucleo familiare
7- Strumenti e dimensioni di analisi per la valutazione delle competenze e delle risorse potenziali per l'inserimento sociolavorativo.
A questo occorre integrare conoscenze di base sulla gestione di database e di sistemi informativi sociali, nonchè le tecniche per la valutazione multidimensionale e per la costruzione di progetti individualizzati per la presa in carico, con lo specifico apporto di ciascun profilo professionale.

Per attingere testi normativi e documenti di programmazione si può fare riferimento ai siti istituzionali seguenti (a titolo indicativo e non esaustivo):
www.lavoro.gov.it
www.regione.puglia.it
www.consiglio.puglia.it
https://pugliasociale.regione.puglia.it
www.sistema.puglia.it/red
7 - (D) Qual è la scadenza dell'Avviso pubblico, per l'invio telematico della domanda?

E se una pratica è ancora nello stato "in lavorazione", sarà possibile completarla anche successivamente alla scadenza?

(R)
La scadenza dell'Avviso è alle ore 12 del 14 settembre 2017.
Saranno considerate validamente trasmesse tutte quello che sono state oggetto di convalida e invio entro le ore 12.00 della stessa data.
Tutte le domande in lavorazione non potranno essere considerate.
6 - (D) Nei punteggi, nella sezione "ulteriori titoli di studio" c'è scritto:"Altro corso di formazione richiesto per l'accesso alla qualifica personale" ma nelle opzioni della domanda vera e propria si hanno solo "i corsi di formazione della durata di 300h". Quindi un corso professionalizzante con meno di 300h non da alcun punteggio?

(R)
Esatto, i corsi di formazione con meno di 300 ore attestabili e verificabili da documentazione ufficiale, non potranno essere oggetto di attribuzione di punteggio.
Pag. 1 di 2 : 1 2 Succ.