FAQ Circolare 413/2018

Dal riquadro Documenti FAQ è possibile scaricare le FAQ in documenti in formato pdf ed excel.

Nel caso del documento pdf, se il numero di FAQ presenti in elenco è superiore al numero di FAQ contenute nel documento, è possibile generare una versione aggiornata del documento.

Se il numero di FAQ sia elevato la procedura di generazione del documento potrebbe durare qualche minuto.

Imposta campi per la ricerca
Documenti FAQDocumento in formato pdf (contiene 13 FAQ) - [Scarica  .pdf  - 15 Kb]
Documento in formato excel - [Scarica file.xls]

..: Sono presenti 13 FAQ :..


13 - (D) Nell’ambito della rilevazione oggetto della circolare prot. 413/18 vanno censite le farmacie?

(R)
Le farmacie non vanno censite a meno che, come tabaccai e rivendite di giornali e riviste - anch’essi esclusi dalla presente rilevazione - non contemplino al loro interno anche un esercizio di vicinato (ad es. erboristeria o articoli per neonati). In quest’ultimo caso per indicare la merceologia prevalente dovranno prendersi in considerazione solo gli articoli trattati nella parte adibita ad esercizio di vicinato. La stessa logica dovrà seguirsi con riferimento alle superfici di vendita.
12 - (D) E’ possibile chiarire che cosa debba intendersi per merceologia prevalente? Parliamo delle vecchie classi merceologiche? O della tripartizione beni alla persona, beni a basso impatto e altri beni?

(R)
Si fa riferimento alla tipologia di articoli trattati in via prevalente nell’esercizio commerciale di riferimento. Com’è noto le classi merceologiche sono ormai abolite e, d’altro canto, la tripartizione crea macroaggregati poco significativi ai fini statistici. Se l’obiettivo è quello di esaminare la composizione e completezza dell’offerta commerciale in una determinata porzione di territorio regionale, è ovvio che occorre inserire una categoria che identifichi una tipologia omogenea di articoli in vendita (a titolo esemplificativo: abbigliamento, calzature, cosmetici, ferramenta, casalinghi, ecc.). Eventuali eterogeneità nella nomenclatura utilizzata dai diversi comuni (ad es. vestiario anziché abbigliamento) saranno sanate nella fase preparatoria alla elaborazione statistica dei dati forniti a condizione che si utilizzino voci intelligibili e non troppo ampie.
11 - (D) Le vendite stagionali vanno rilevate?

(R)
Le vendite stagionali sono soggette alle stesse regole previste per le altre tipologie oggetto della rilevazione e, pertanto, vanno censite se esercitate in sede fissa. Nelle note si avrà cura di precisare la stagionalità e gli estremi temporali del periodo di svolgimento dell’attività.
10 - (D) Nei prospetti da compilare si richiede la sede legale che potrebbe non insistere sul territorio comunale. E’ realmente questo il dato necessario?

(R)
Il dato da prendere in considerazione è quello delle sedi operative collocate sul territorio comunale. E' stato chiarito nei modelli dei fogli elettronici di rilevazione disponibili sul sito www.sistema.puglia.it nella sezione dedicata al Commercio.
9 - (D) Nei prospetti da compilare si richiede la superficie complessiva di vendita. E’ quindi necessario escludere le parti adibite ad esempio a deposito e a toilette?

(R)
Il dato necessario è la superficie complessiva che comprende quella di vendita sommata a quella adibita ad altri usi. Il dato è presente sia nella nuova modulistica di SCIA che nei modelli COM precedenti.
Nel modello di foglio elettronico di rilevazione aggiornato e reso disponibile sul sito www.sistema.puglia.it nella sezione dedicata al Commercio è stata eliminata la specificazione “di vendita”. Nelle successive colonne occorre, invece, indicare la superficie effettivamente adibita alla vendita rispettivamente dell’alimentare e misto e del non alimentare.
Pag. 1 di 3 : 1 2 3 Succ.