FAQ Avviso Pon Inclusione - RED

Dal riquadro Documenti FAQ è possibile scaricare le FAQ in documenti in formato pdf ed excel.

Nel caso del documento pdf, se il numero di FAQ presenti in elenco è superiore al numero di FAQ contenute nel documento, è possibile generare una versione aggiornata del documento.

Se il numero di FAQ sia elevato la procedura di generazione del documento potrebbe durare qualche minuto.

Imposta campi per la ricerca
Documenti FAQDocumento in formato pdf (contiene 11 FAQ) - [Scarica  .pdf  - 20 Kb]
Documento in formato excel - [Scarica file.xls]

..: Sono presenti 11 FAQ :..


10 - (D) Su quali materie e su quali argomenti si può impostare la preparazione di ciascun candidato per sostenere il colloquio di esame previsto dalla procedura di selezione, per coloro che supereranno la soglia minima di punteggio richiesta per accedere alla fase di colloquio?
E dove poter attingere documenti e testi utili alla preparazione?

(R)
Premettendo che l'art. 2 dell'Avviso pubblico cita espressamente come requisito di ammissione almeno quello della formazione specifica, si rinvia al bagaglio culturale e alla formazione di base di ciascun candidato per la conoscenza complessiva del contesto operativo cui si fa riferimento quando si parla di politiche di inclusione sociale attiva e di inserimento sociolavorativo di soggetti svantaggiati.
Si precisa che l'Avviso pubblico è rivolto a selezionare risorse umane che siano immediatamente inseribili in precisi contesti operativi, quali le equipe multiprofessionali che tutti gli Ambiti territoriali sociali dovranno attivare o stanno già attivando per la gestione delle misure di sostegno al reddito per il contrasto delle povertà, come introdotte negli ultimi due anni a livello nazionale (SIA - REI) e regionale (RED).
Non esiste, pertanto, un solo volume che possa riassumere il quadro di conoscenze complessivamente richiesto, anche perchè si fa riferimento sia a conoscenze di tipo giuridico-ammnistrative, che di tipo tecnico-sociale, organizzativo, socioeconomico.
Solo al fine di dare alcuni riferimenti per impostare la preparazione minima richiesta in sede di colloquio - fermo restando che saranno le Commissioni a definire le modalità di svolgimento dello stesso colloquio, nel rispetto dei criteri di trasparenza e pari opportunità - si precisa che è opportuna una conoscenza approfondita delle seguenti macroaree tematiche:
1- quadro costituzionale e normativo che definisce le competenze dello Stato, delle Regioni e dei Comuni in materia di politiche sociali e di politiche attive del lavoro (art. 117 Cost, l.n. 328/200, l.r. n. 19/2006, Reg. R. n. 4/2007, l.r. n. 23/2013, e ss.mm.ii.)
2 - quadro normativo nazionale e regionale in materia di misure per il contrasto alle povertà (l.r. n. 3/2016, Reg. R. n. 8/2016, DM 26.05.2016 e s.m.i., l.n. 33/2017 e D.Lgs. attuativo)
3- Programmazione comunitaria e regionale in materia di inclusione sociale attiva (POR Puglia 2014-2020, Piano Regionale Politiche Sociali 2013-2015 di cui alla Del. G.R. n. 1534/2013)
4- Linee guida nazionali per la presa in carico multiprofessionali per gli utenti SIA
5- Strumenti attuativi del ReD adottati dalla Regione Puglia (DGR n. 928/2016, DGR n. 1014/2016, e ogni atto conseguente)
6- Strumenti e dimensioni di analisi per la valutazione socioeconomica di un nucleo familiare
7- Strumenti e dimensioni di analisi per la valutazione delle competenze e delle risorse potenziali per l'inserimento sociolavorativo.
A questo occorre integrare conoscenze di base sulla gestione di database e di sistemi informativi sociali, nonchè le tecniche per la valutazione multidimensionale e per la costruzione di progetti individualizzati per la presa in carico, con lo specifico apporto di ciascun profilo professionale.

Per attingere testi normativi e documenti di programmazione si può fare riferimento ai siti istituzionali seguenti (a titolo indicativo e non esaustivo):
www.lavoro.gov.it
www.regione.puglia.it
www.consiglio.puglia.it
https://pugliasociale.regione.puglia.it
www.sistema.puglia.it/red
7 - (D) Qual è la scadenza dell'Avviso pubblico, per l'invio telematico della domanda?

E se una pratica è ancora nello stato "in lavorazione", sarà possibile completarla anche successivamente alla scadenza?

(R)
La scadenza dell'Avviso è alle ore 12 del 14 settembre 2017.
Saranno considerate validamente trasmesse tutte quello che sono state oggetto di convalida e invio entro le ore 12.00 della stessa data.
Tutte le domande in lavorazione non potranno essere considerate.
6 - (D) Nei punteggi, nella sezione "ulteriori titoli di studio" c'è scritto:"Altro corso di formazione richiesto per l'accesso alla qualifica personale" ma nelle opzioni della domanda vera e propria si hanno solo "i corsi di formazione della durata di 300h". Quindi un corso professionalizzante con meno di 300h non da alcun punteggio?

(R)
Esatto, i corsi di formazione con meno di 300 ore attestabili e verificabili da documentazione ufficiale, non potranno essere oggetto di attribuzione di punteggio.
3 - (D) Che cosa si intende per esperienza specifica nei settori di attività connessi ai profili di selezione? E deve essere svolta necessariamente alle dipendenze di una A.P. oppure può essere svolta anche per imprese private fornitrici di servizi alla A.P.?


(R)
Nella descrizione di ciascun profilo di selezione si trova descritto in termini sufficientemente esemplificativi che cosa si intenda per esperienza specifica nei settori di attività connessi al profilo.
Il candidato che abbia svolto altra attività nella P.A. O alle dirette dipendenze o per conto di imprese private erogatrici di servizi per la P.A. potrà dichiarare di avere altra esperienza non strettamente attinente.
L'esperienza specifica e l'altra esperienza sono oggetto di attribuzione distinta dei punti di valutazione.

Facciamo degli esempi.
Sesi è lavorato presso il ServizioSociale professionale o il Segretariato sociale o i servizi per i. Pronto intervento sociale per l'accoglienza, la presa in carico di utenti, per il monitoraggio o l'organizzazione dei servizi, per l'erogazione dei contributi a persone fragili, ecc..., o se si è lavorato presso lo sportello comunale di un centro per l'impiego o altro servizio per l'inserimento sociale o sociolavorativmdi un soggetto svantaggiato, si potrà dire che il candidato abbia esperienza specifica, anche quando avesse un contratto con una coop. sociale o altra impresa affidataria del servizio per conto del Comune.
Se si è lavorato come educatore nell'asilo nido comunale o per l'assistenza agli alunni con disabilità nelle scuole , o per l'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati, l'esperienza è non strettamente attinente all'ambito di attività dei profili da selezionare.

E così per i profili amministrativi, se si è svolta attività per la gestione finanziaria o la rendicontazione dei fondi UE nazionali regionali o comunali per le politiche sociali nell'ambito dell'Ufficio di Piano, si potrà dire che il candidato abbia esperienza specifica. Se invece si è lavorato come contabile nella Ragioneria o come amministrativo all'Anagrafe o all'Ufficio Entrate del Comune, l'esperienza è non strettamente attinente all'ambito di attività dei profili da selezionare.

Gli esempi non sono, ovviamente, esaustivi di tutte le possibili fattispecie.
2 - (D) L'esperienza specifica nei settori di attività connessi ai profili di selezione è un requisito di ammissione o un criterio di valutazione?

(R)
L'esperienza specifica nei settori di attività connessi ai profili di selezione è un criteri di valutazione che, secondo quanto esposto nella griglia di valutazione delle candidature ha un peso diverso dalle altre esperienze lavorative maturate, sia nel settore pubblico che ne settore privato.
All'art. 2, infatti, si dice che è requisito di ammissione l'esperienza specifica e/o la formazione specifica, quindi si può presentare domanda anche se si è in possesso dei titoli di studio richiesti come requisiti specifici di ammissione e qualsivoglia esperienza di lavoro. Il possesso anche di esperienza specifica sarà apprezzato in sede di valutazione.
Pag. 2 di 3 : Prec. 1 2 3 Succ.