Cassa Integrazione in Deroga - Emergenza COVID-19

Immagine associata al documento: Cassa Integrazione in Deroga - Emergenza COVID-19 Il Decreto Legge 'Cura Italia' n.18 del 17 marzo 2020, approvato dal Consiglio dei Ministri e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 marzo 2020, introduce disposizioni urgenti per fronteggiare le conseguenze dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Regione Puglia, a seguito di quanto disposto all'articolo 22 del citato Decreto Legge 18/2020, in data 20.03.2020, ha approvato l'Accordo Quadro con le organizzazioni sindacali e datoriali per la concessione del trattamento della cassa integrazione in deroga, con riferimento ai datori di lavoro del settore privato ivi compreso quello agricolo, della pesca e del terzo settore, compresi gli enti religioni civilmente riconosciuti, per i quali non trovino applicazione le tutele previsti dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario, in costanza di rapporto di lavoro.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze, con Decreto del 24 marzo 2020, ha provveduto a ripartire le risorse sulla base del numero potenziale dei lavoratori beneficiari delle integrazioni salariali in deroga. Alla Regione Puglia sono stati assegnati 106 milioni di Euro.
I datori di lavoro interessati alla misura possono presentare l'istanza attraverso il sistema informativo lavoro "SINTESI", anche attraverso i soggetti da loro delegati ad operare sul SIL, utilizzando lo specifico modulo "CIG IN DEROGA" che dovrà essere stampato attraverso le apposite funzionalità e firmato, eventualmente anche con firma digitale, dal legale rappresentante del soggetto datore di lavoro.

La domanda, in regola con la vigente normativa in materia di bollo, dovrà essere presentata dal datore di lavoro esclusivamente a mezzo pec, entro il 23 agosto 2020 al seguente indirizzo pec:
cig.regionepuglia@pec.rupar.puglia.it

Al fine di agevolare l'invio delle domande di CIG Covid19, la Regione Puglia, fermo restando l'utilizzo della precedente casella PEC cig.regionepuglia@pec.rupar.puglia.it ha attivato le seguenti ulteriori caselle di PEC per ambito territoriale:

Pertanto, ciascuna impresa interessata alla presentazione della domanda di CIG potrà utilizzare l'indirizzo PEC relativo alla provincia ove è ubicata la sede produttiva interessata al trattamento.

All'istanza dovrà essere allegata la seguente documentazione:
  • accordo stipulato in sede sindacale, ove previsto, ovvero copia della documentazione probante la comunicazione alle OO.SS. dei lavoratori territoriali di categoria comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;
  • dichiarazione sostitutiva generata dal sistema informativa SINTESI ai sensi del DPR 445/00 sottoscritta dal rappresentante legale, eventualmente anche con firma digitale, con allegata copia del documento di riconoscimento in corso di validità.

Per le richieste di informazioni:
  -          
 
Riferimenti (ALT+"D")
Data Pubblicazione sul portale: 09 Aprile 2020
Aree Tematiche: Sistema Puglia, Emergenza Coronavirus, Politiche per lo Sviluppo, CIGD Emergenza Covid
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Letto: 784 volte