Banda ultralarga: è la Puglia a condurre la classifica

Immagine associata al documento: Banda ultralarga: è la Puglia a condurre la classifica progressi ci sono stati e i numeri stanno lì a testimoniarlo. Uno su tutti: solo in una provincia su tre la rete a banda ultralarga copre meno della metà delle unità immobiliari previste mentre l'anno scorso erano il 65 per cento. Bene, ma in fondo non benissimo. Anche perché il numero dei comuni raggiunti dalla rete di ultima generazione è sì cresciuto notevolmente (era il 16% lo scorso anno), ma non va oltre il 43,8% dei comuni italiani. Insomma, meno di un comune su due è raggiunto dalla rete a banda ultralarga.

Sono alcuni dei dati contenuti nel Rapporto I-Com 2017 su reti e servizi di nuova generazione, che sarà presentato oggi a Roma. Lo studio, corposo, messo a punto dal think tank Istituto per la competitività I-Com prende in esame dati di fonte Ue, ma non solo, per arrivare a una classificazione su scala europea del livello di sviluppo della banda ultralarga nei mercati nazionali. Il tutto riassunto nell'I-Com broadband index che vede l'Italia nelle posizioni di retroguardia.
Il nostro Paese è salito dalla 23esima alla 22esima posizione in un anno in questo indice che miscela grado di penetrazione della banda larga rispetto alle abitazioni, grado di sviluppo dell'e-commerce, grado di copertura in fibra ottica e grado di copertura in banda ultralarga nel mobile. Danimarca e Svezia sono davanti, rispettivamente con 100 e 99,6. L'Italia precede Francia Polonia, Croazia, Bulgaria, Grecia e Romania con un indice di 76,4.
«Per molti anni - spiega Stefano da Empoli, presidente di I-Com - l'Italia ha scontato un grave ritardo infrastrutturale e culturale, poi l'adozione a marzo 2015 della Strategia nazionale per la banda ultralarga e della Strategia per la crescita digitale 2014-2020 ha segnato un momento di svolta, creando così un clima di maggiore fiducia. Per questo, oggi, è fondamentale premere sull'acceleratore».
Fra i vari argomenti presi a esame da I-Com nel suo rapporto c'è una mappatura regionale della diffusione della banda ultralarga, costruita raccogliendo i dati presso gli operatori. Nel dettaglio, si vede così che tra le regioni primeggia la Puglia, con una percentuale di copertura delle unità immobiliari pari all'87%: 15,5 punti al di sopra della media nazionale (72,3%). Segue il Lazio, dove in media oltre una unità immobiliare su cinque è raggiunta dalla rete.
Grandi passi in avanti sono stati compiuti in Basilicata, dove solo un'abitazione su due risultava raggiunta dalla rete di ultima generazione, dato oggi pari al 73% (solo 1 punto di scarto rispetto alla Lombardia). E in generale le regioni del Sud sono quelle messe meglio: Calabria 79%, Sicilia (79%) e Campania (78,4%).
Fanalino di coda resta la Valle d'Aosta, con copertura di solo il 24,3%: appena 3 punti in più rispetto a un anno fa. In Abruzzo, Molise, Sardegna e Trentino-Alto Adige la situazione risulta migliorata, ma la copertura che si registra è ancora inferiore al 50%.
Spostandosi dalle unità immobiliari ai comuni, Toscana e Sicilia sono le due regioni con la più ampia copertura (la prima con l'83,2%, la seconda col 70,8%). In 4 regioni più dell'80% dei comuni non è raggiunto dalla banda ultralarga: Abruzzo (16,1%), Sardegna (13,5%), Valle d'Aosta (8,1%) e Piemonte (17,2%).

Da "http://www.ilsole24ore.com", 31 ottobre 2017

Leggi l'articolo sul web       -         
 
Data Pubblicazione sul portale: 31 Ottobre 2017
Fonte: Il Sole 24ore.com
Aree Tematiche: Sistema Puglia, Rassegna Stampa, Ricerca e Innovazione Tecnologica, Politiche per lo Sviluppo
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Letto: 139 volte