Le imprese pugliesi spingono sulla digitalizzazione

Immagine associata al documento: Le imprese pugliesi spingono sulla digitalizzazione Spingere ancora sulla digitalizzazione delle Pmi della regione. Anche se la Puglia conta almeno quattro primati digitali - il 13,3% delle imprese vende on line, contro il 9,9% della media italiana; il 24% è inserito in contratti di rete rispetto al 22% nazionale; la copertura del territorio a banda larga base è del 97,8%, contro il 96,8% nazionale e la banda ultralarga è addirittura del 42,3%, contro il 26,4% - l'incidenza sull'economia regionale è però ancora molto limitata. Per questo occorre procedere, subito, verso quella che Elio Catania - presidente di Confindustria Digitale (federazione delle imprese Ict) ieri a Bari, decima tappa di #TERRITORIDIGITALI, roadshow nazionale voluto per sostenere le Pmi nei loro percorsi di innovazione tecnologica - ha definito «la trasformazione competitiva digitale delle Pmi, che valorizzi e metta in rete le eccellenze e le competenze presenti sul territorio».
Numeri alla mano le Pmi pugliesi che utilizzano internet sono tante, l'89,5%, ma la media nazionale è del 94%, e meno di un terzo utilizzano la rete regolarmente, contro il 50% nazionale. Per non parlare della spesa annua in Ict di soli 1.660 euro, contro la media italiana di 4.147.
Quindi se vogliono competere la digitalizzazione è decisiva. Quando non lo sono, o lo sono in piccola parte, «nel 90% dei casi - ricorda Catania - il fatturato cala infatti del 10% ed i margini di profitto del 4-5%».
Se questi sono i numeri, «c'è solo una scelta per le Pmi che non vogliono soccombere nel mercato globale, cioè digitalizzarsi e basta. Chi non lo fa non cresce».
Purché siano chiare le politiche del governo la cui azione, insieme a quella delle Pmi, è ovviamente fondamentale. Il governo ha preso un impegno forte per l'Agenda Digitale e la banda larga, ma serve «più accelerazione. L'agenda prevede 10 piattaforme strategiche su sanità, cittadinanza e così via. Chiediamo - dice Catania - che nascano rapidamente, perchè la Pubblica amministrazione deve dare l'esempio, così che il cittadino si abitui a questa tecnologia». E diminuisca così il numero dei cittadini italiani che non hanno mai messo mani su un pc (ora sono un terzo), e salga quello delle famiglie che utilizzano internet che, per fare l'esempio della Puglia, sono oggi al 59,6% contro il 65,2% di media nazionale e con utenti tra 16 e 74 anni fermi al 51,9%, contro il 60,2% italiano.
Per le imprese il cloud computing, il lavoro in mobilità, il digital marketing“portano nuove relazioni, ecommerce, più flessibilità e internazionalizzazione ed efficienza dei processi interni.
«Si tratta – dice Carlo Purassanta, consigliere di Confindustria digitale – di tecnologie perfettamente alla portata delle Pmi, con ritorni sugli investimenti superiori rispetto alle imprese non innovative».
Su questo punto, secondo Domenico Favuzzi, presidente di Confindustria Puglia, la regione è «un laboratorio molto interessante con moltissime aziende che hanno reagito alla crisi, proprio grazie alla trasformazione digitale in atto che consente loro di misurarsi anche sui mercati esteri».

Leggi l’articolo sul web     -         
 
Data Pubblicazione sul portale: 18 Maggio 2016
Fonte: Il Sole 24ore.com
Aree Tematiche: Sistema Puglia, Rassegna Stampa, Ricerca e Innovazione Tecnologica, Imprese, Politiche per lo Sviluppo
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Letto: 214 volte