Sistema Puglia - Il portale per lo sviluppo e la promozione del territorio e delle imprese - Regione Puglia - Area Politiche per lo Sviluppo il Lavoro e l'Innovazione

Scheda Bando Passepartout Smartpuglia (Aiuti ai Servizi 2013)

 Obiettivi
Sostenere la domanda di innovazione da parte delle PMI, attraverso l'acquisizione di servizi tecnologici qualificati finalizzati alla implementazione nelle imprese di processi innovativi a livello locale e internazionale. Contribuire alla razionalizzazione e alla qualificazione dell'offerta di servizi di smart specialization in Puglia intorno a competenze tecnologiche distintive.

Tipologia di investimento ammissibile a contributo
Sono finanziati i seguenti servizi di consulenza specialistica e tecnologici di supporto all'innovazione:
1.1 Servizi di supporto all' innovazione di prodotto nella fase di concetto
1.2 Servizi tecnologici di progettazione per l'innovazione di prodotto e di processo produttivo
1.3 Servizi tecnologici di sperimentazione (prove e test)
1.4 Servizi di sviluppo e gestione della proprietā intellettuale
1.5 Servizi per la realizzazione di studi di fattibilitā relativi a progetti di ricerca industriale, sviluppo sperimentale, trasferimento tecnologico
1.6 Servizi per l'efficienza ambientale ed energetica

Spese ammissibili
Sono ammissibili le seguenti spese sostenute dal beneficiario e strettamente connesse agli investimenti agevolati:
a) Forniture di servizi di consulenza specialistica o altri servizi equivalenti su specifiche problematiche tecnologiche direttamente afferenti il progetto di investimento presentato. In questa voce si potranno includere i costi per l'addestramento del personale, sino a un massimo del 20% del totale. b) Forniture di servizi di sperimentazione (test, prove ed altri servizi equipollenti). Le spese dovranno essere definite in base a tariffe calcolate alle normali condizioni di mercato e che non comportino elementi di collusione.

Beneficiari
Beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese (PMI) candidate in forma singola ovvero organizzate in rete attraverso una delle seguenti forme di raggruppamento:
a) Raggruppamenti di almeno 3 PMI strutturati con forma giuridica di "contratto di rete" ai sensi del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33.
b) Raggruppamenti di almeno 3 PMI strutturati con forma giuridica di Associazione Temporanea di Imprese "A.T.I."
c) Raggruppamenti di almeno 3 PMI strutturati secondo la forma giuridica di Consorzi e societā consortili di PMI (Consorzio), che soddisfino una delle seguenti condizioni:
i. qualora al progetto da realizzare partecipino almeno 3 PMI aderenti al consorzio ed espressamente indicate nella domanda di contributo; ii. qualora il consorzio realizzi, con proprie strutture e proprio patrimonio, il progetto deve essere realizzato con almeno altre 2 PMI non aderenti al consorzio stesso, ma raggruppate con contratto di rete.

Tipo ed entitā del contributo
Gli aiuti sono erogati in forma di contributi in conto impianti. L'intensitā di aiuto č pari al 50% dei costi valutati ammissibili per le Medie Imprese e del 60% dei costi valutati ammissibili per le Micro e Piccole Imprese.
Gli importi di spesa massimi ammissibili sono indicati nell'Allegato 1 al Bando e variano secondo la tipologia di servizio finanziato, le dimensioni e il tipo di soggetto beneficiario.

Scadenza
Le domande di ammissione all'agevolazione devono essere compilate on-line attraverso il portale www.sistema.puglia.it e successivamente inviate esclusivamente via PEC (Posta Elettronica Certificata) all'indirizzo avviso2013servizi112.regione@pec.rupar.puglia.it dalle ore 15:00 del 15 Luglio 2013 alle ore 17:00 del 5 Ottobre 2013.

Scarica la Scheda di sintesi    [Scarica  .pdf  - 151 Kb]      
 

Data Pubblicazione sul portale: 08 Luglio 2013
Aree Tematiche: Sistema Puglia
Redazione: Redazione Sistema Puglia
Scaricato: 1,818 volte
Letto: 153 volte